Il Decreto Ristori Bis prevede alcune misure di sostegno al reddito per le famiglie e le imprese delle zone rosse. Tra i più importanti rivolti alle famiglie il Bonus Babysitter e l’attivazione del congedo straordinario al 50%.
Vediamo in cosa consiste il Ristori Bis Bonus Baby Sitter, chi sono i beneficiari e come presentare la domanda. 

Bonus Baby sitter nelle zone rosse

Il Bonus babysitter introdotto dal Ristori Bis si rivolge esclusivamente alle famiglie che hanno la residenza nella zona rossa. In questi territori, infatti, è scattata la sospensione delle lezioni in presenza già a partire dalla seconda classe delle scuole secondarie di primo grado (ex scuola media). Si tratta di un provvedimento volto a sostenere economicamente le famiglie che necessitano di un aiuto per l’assistenza dei figli.

ATTENZIONE: il suddetto bonus non può essere utilizzato per pagare i parenti, siano essi nonni o zii, o familiari in generale. 

Quali modalità di erogazione prevede il Decreto Ristori Bis per il Bonus Baby sitter?

Il valore totale del Decreto Ristori Bis Bonus Baby sitter è erogato direttamente dall’INPS mediante il Libretto Famiglia. L’importo massimo può arrivare a 1.000 euro. Il bonus è dedicato solo ed esclusivamente ai lavoratori autonomi la cui residenza è in zona rossa.

Cosa è previsto allora per il lavoratori dipendenti? Per questi soggetti il Ristori Bis ha previsto un’estensione del congedo straordinario.

Chi sono i beneficiari del bonus babysitter?

Possono accedere al suddetto sostegno economico, tutti i genitori lavoratori iscritti alla Gestione Separata o appartenenti alle Gestioni speciali dell’Ago (Gestione Artigiani e Commercianti INPS). Tali soggetti, però, non devono essere iscritti ad altre tipologie di forme previdenziali obbligatorie. 

I voucher INPS possono essere utilizzati per pagare i servizi di babysitteraggio effettuati nel periodo di sospensione delle attività didattiche in aula. 

Figli disabili

Il Decreto Ristori Bis Bonus Baby Sitter è valido anche per tutte le famiglie in cui vive un figlio con disabilità gravi, iscritti a scuole di ogni ordine e grado chiuse a seguito dei decreti governativi in essere.

Quali sono i requisiti?

Hanno diritto a richiedere il bonus entrambi i genitori che:

  • non possono avere l’attivazione dell’home office o della modalità agile
  • non sono beneficiari di altre misure di sostegno al reddito a seguito della sospensione o cessazione dell’attività lavorativa
  • uno dei due genitori è disoccupato o non lavoratore

NOTA BENE: il bonus baby sitter può essere richiesto e usufruito alternativamente da entrambi i genitori.

ATTENZIONE: chi sta già fruendo del bonus asilo nido, non può beneficiare del bonus baby-sitter.

Quando e come presentare la domanda?

La domanda per beneficiare del Bonus Babysitter deve essere presentata all’INPS. L’importo spettante del bonus sarà poi erogato attraverso il Libretto Famiglia.

NOTA BENE: per procedere con la domanda occorre essere in possesso del PIN Dispositivo o delle credenziali SPID.

Congedo parentale straordinario al 50%

I lavoratori dipendenti non sono destinatari del Bonus Babysitter. Per questa categoria, se residente in una zona rossa, il Decreto Ristori Bis ha previsto la possibilità di accedere al congedo straordinario retribuito al 50% per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche in aula.
L’ammontare dell’indennità spettante è pari al 50% della retribuzione. E il congedo è riconosciuto alternativamente a entrambi i genitori che hanno in essere un contratto di lavoro dipendente.





Ulteriori info?

Richiedi un nostro preventivo gratuito oppure acquista la nostra consulenza Skype direttamente con un professionista esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi e risolvere i tuoi problemi con il Fisco.

Scopri la nostra offerta dedicata a chi apre partita IVA. Clicca sul bottone sottostante per avere maggiori info!


Scarica la nostra APP

Prova il nostro software

Fattura elettronica con il Commercialista Online

Scarica i nostri eBook gratuiti

Costi aprire la partita iva 2020
Partita iva agevolata 2020 - Regime Forfettario 2020

Commenti

Altri approfondimenti