Skip to content
PIN INPS SEMPLIFICATO E PIN DISPOSITIVO

PIN INPS semplificato e Pin dispositivo

Sommario
(Last Updated On: 6 Luglio 2020)

Il portale dell’INPS è diventato uno dei siti maggiormente utilizzati in questo periodo. Per far domanda dei vari bonus disciplinati dal Decreto Cura Italia prima, e dal Decreto Liquidità dopo, è necessario accedere alla propria area personale sul sito dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Non tutti, però, hanno a disposizione il PIN relativo al proprio account. A tal proposito vogliamo chiarire la differenza tra PIN INPS semplificato e PIN dispositivo.

Cosa è il PIN semplificato INPS?

Istituito nel mese di marzo 2020, in occasione dell’emergenza Covid-19, il PIN semplificato INPS si è reso necessario per inoltrare la richiesta del bonus 600 euro, del voucher babysitter e di tutti gli altri provvedimenti. Il codice semplificato, dunque, è nato per velocizzare e semplificare le richieste bonus attraverso l’identificazione a distanza del richiedente.

A cosa serve il PIN INPS semplificato?

La procedura semplificata messa in atto dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha agevolato l’accesso alle indennità per i soggetti qui di seguito riportati:

  • professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa
  • autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO
  • stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori del settore agricolo
  • lavoratori dello spettacolo
  • bonus per i servizi di baby-sitting

Le differenze tra il Pin INPS e quello semplificato

Il tradizionale PIN dispositivo è un codice identificativo associato a un singolo utente. Si tratta di una serie di 16 caratteri alfanumerici che identifica il cittadino destinatario dei bonus.

L’attivazione del tradizionale codice segreto (prima dell’emergenza Covid-19) richiedeva l’identificazione di persona, oltre all’invio in due step della serie di codici costituenti il PIN INPS. La prima metà arrivava con un SMS, la seconda metà in formato cartaceo per posta. In virtù della chiusura degli sportelli e delle regole di distanziamento sociale, l’INPS ha previsto che dal 9 aprile al 31 luglio 2020, gli utenti abbiano la possibilità di accedere alle prestazioni economiche e agli altri servizi attraverso il rilascio di una identità digitale (PIN semplificato INPS).

Come procedere con la richiesta del Pin INPS semplificato?

Le principali modalità di richiesta del codice semplificato INPS sono le seguenti:

  1. servizio “Richiesta PIN”, presente sul sito web dell’Istituto www.inps.it
  2. Contact Center INPS, reperibile al numero verde gratuito da rete fissa 803 164 oppure al numero 06-164164 secondo le tariffe del proprio piano

A seguito dell’inoltro della domanda per il PIN semplificato INPS, si riceverà un SMS o una mail contenenti le prime 8 cifre del codice. Tale sequenza è sufficiente per la compilazione della domanda di accesso alle prestazioni.

ATTENZIONE: in caso di mancata ricezione delle 8 cifre, l’utente, dopo 12 ore, ha diritto a contattare il Contact Center per validare la richiesta.

NOTA BENE: per procedere all’attivazione del voucher babysitter è richiesta anche la seconda parte del PIN, indispensabile per la registrazione del Libretto di Famiglia protagonista del suddetto bonus.

Autenticazione per l’inoltro delle domande

Richiedere una prestazione al reddito è comunque possibile mediante le credenziali ordinarie già in possesso. Nello specifico, utilizzando il PIN dispositivo INPS, lo SPID di livello 2 o superiore, la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e la Carta d’Identità Elettronica 3.0 (CIE).




bonus vacanze 2020

Bonus vacanze 2020: come richiederlo

(Last Updated On: 6 Luglio 2020) L’estate è arrivata e con essa la voglia di andare in vacanza. Quest’anno sarà tutto diverso, ma per consentire

finanziamento 30.000 euro covid 19

Finanziamento 30.000 euro Covid-19

(Last Updated On: 6 Luglio 2020) Il decreto Liquidità, a seguito della conversione in legge 5 giugno 2020, n. 40, ha subito alcune modifiche. Di

decreto rilancio scadenze fiscali

Decreto Rilancio: le scadenze fiscali

(Last Updated On: 16 Giugno 2020) Il Decreto Rilancio, con le disposizioni contenute negli articoli 126 e 127 D.L. 34/2020, ha ulteriormente prorogato al 16

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento Facebook

Aggiungi il tuo commento!


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

Fattura elettronica

Scarica l’app

app per Android

app per iOS

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?

Unisciti ad oltre 25.000 iscritti

Iscriviti alla Newsletter de “Il Commercialista Online” per ricevere utili aggiornamenti gratuiti su fisco, lavoro e contabilità.

icona ilcommercialistaonline.it

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva

Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI