Aprire un sexy shop online o in un’altra forma

aprire un sexy shop
 
(Last Updated On: 26 Aprile 2019)

Non si tratta quasi più di un tabù di cui ci si vergogna a parlare: l’espansione dei sexy shop è iniziata circa vent’anni fa e da allora non si è più fermata. Si tratta di un settore fiorente e in continua crescita, che sia una grande città o un piccolo centro abitato, non stupisce trovare un sexy shop. Per non parlare dell’etere: online ormai si trova di tutto e di più, compresi numerosi eCommerce che trattano articoli hard di qualsiasi genere.
Aprire un sexy shop online o in altra forma è una scelta che può portare a molti guadagni! Basti pensare ai 3 principali punti i forza di questo genere di negozio:

  1. target potenziale vasto e praticamente infinito
  2. investimento iniziale relativamente contenuto
  3. differente natura del business (sexy shop online, negozio fisico o distribuzione automatica)

Quale formula scegliere per aprire un sexy shop

Le principali alternative per aprire un sexy shop sono 4: eCommerce, negozio fisico, franchising, distribuzione automatica.

Aprire un sexy shop online

Il web ha senza alcun dubbio un potenziale di successo molto elevato. Se realizzato in modo meticoloso e ben strutturato sotto tutti i punti di vista, un sexy shop online può dare molte soddisfazioni economiche. I costi di apertura sono relativamente bassi, scendono ancor di più se si sceglie la formula in dropshipping.

Il sexy shop classico

È l’opzione più cara e dispendiosa senza ombra di dubbio, ma se ben studiata e organizzata, può fare la differenza. Una location accattivante ed esclusiva, oltre a un personale preparato e coinvolgente, possono rappresentare la chiave del successo dell’attività.

Franchising

Sono numerosi i marchi già affermati sul mercato che offrono questa possibilità a chi desidera aprire un sexy shop. Generalmente l’investimento iniziale richiesto è basso (anche meno di 1.000 euro). Sono poi offerti pacchetti esclusivi di start up comprensivi di formazione, consulenza, assistenza e, ovviamente, fornitura per ben avviare questo tipo di business.

La distribuzione automatica

365 giorni all’anno, 24 ore su 24. I distributori automatici non conoscono pause, ferie, scioperi. I costi di avviamento e mantenimento sono relativamente bassi e l’attività non necessita di un grande impegno giornaliero.

Quale che sia la formula scelta, è di fondamentale importanza proporre merce di qualità, comprovata e certificata. La clientela è esigente e non vuole rischiare la propria salute. La sicurezza di ogni prodotto è un aspetto imprescindibile, sia che si opti per aprire un sexy shop online, sia che si scelga il negozio fisico o il distributore automatico.
La natura dei prodotti dovrebbe essere la più varia possibile, al fine di soddisfare tutte, o quasi, le richieste e le esigenze della clientela.

I passi da seguire per aprire un sexy shop

Trattandosi di un’attività commerciale, l’iter burocratico da seguire per aprire un sexy shop è pressoché il medesimo di quello di qualsiasi altro business.

Dopo aver redatto il proprio business plan, trovato un’eventuale location o i professionisti per la realizzazione dell’eCommerce, occorre seguire i seguenti step.

  • aprire partita iva ponendo particolare attenzione alla scelta del regime fiscale da adottare e, prima ancora, al codice ATECO.
  • iscriversi al Registro delle Imprese
  • fornire comunicazione adeguata di inizio attività al relativo Comune di appartenenza tramite la compilazione della SCIA
  • aprire le posizioni INPS gestione commercianti e INAIL
  • per il negozio fisico: assicurarsi il rispetto di tutte le norme in vigore circa l’agibilità, l’igiene e la sicurezza, assicurandosi di avere tutti i permessi richiesti (per esempio quello per esporre l’insegna).

L’aspetto contributivo per chi sceglie di aprire un sexy shop

Una nuova attività commerciale, a prescindere dalla natura del business, deve assolvere a determinati obblighi contributivi. Sia che la scelta ricada sull’attività online dell’eCommerce, o sul classico negozio fisico, chi decide di aprire un sexy shop è soggetto alla contribuzione alla gestione commercianti dell’INPS.

Nello specifico, vige l’obbligo di pagare i contributi fissi per mezzo di 4 rate annuali per un esborso totale pari a 3.700 euro circa. Tale somma è invariata fino a un reddito pari a 15.500 euro. Superata tale cifra, i contributi saranno calcolati in percentuale sulla parte eccedente nella misura del 24%.
Chi aderisce al Regime Forfettario può richiedere l’agevolazione contributiva che prevede uno sconto pari al 35% sui contributi fissi e variabili previdenziali da versare.
Se a voler avviare un sexy shop è un lavoratore dipendente, invece, il pagamento dei contributi fissi previdenziali derivanti dalla suddetta attività commerciale, non è dovuto per il principio della prevalenza.


Aprire partita IVA?

Affidati allo staff de Il Commercialista Online evitando errori e costose sanzioni.
Acquista la nostra consulenza Skype direttamente con un esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi e le pratiche di start-up le offriamo noi.



OFFERTA: acquistando la consulenza via Skype della durata di 30 minuti le pratiche di start up sono GRATIS!

Clicca sul bottone sottostante per avere maggiori info sulla nostra consulenza skype!
Facebook Comments

Recommended Posts

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *