Proroga dichiarazione dei redditi 2019

PROROGA DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2019
 
(Last Updated On: 30 Luglio 2019)

Versamenti imposte dichiarazione dei redditi: ecco il nuovo calendario delle scadenze per il Modello Unico 2019 o Modello Redditi 2019

È arrivata con molto anticipo rispetto agli anni precedenti la proroga dichiarazioni del redditi per i versamenti delle imposte. La prima scadenza è fissata al 30-09-2019 senza maggiorazione; ma attenzione, riguarda solo i soggetti ISA. L’invio telematico delle dichiarazioni fiscali, invece, è spostato al 30 novembre.

Nel post di oggi, in vista della compilazione delle dichiarazioni dei redditi, si riassumono le scadenze previste per il versamento delle imposte relative al Modello Redditi 2019 nonché i termini per l’invio telematico della stessa dichiarazione dei redditi.

Proroga dichiarazione dei redditi per i soggetti ISA

La proroga dichiarazione dei redditi è fissata al 30 settembre 2019. Essa comprende i versamenti risultanti dalle Dichiarazioni dei Redditi, IRAP e IVA, ed è arrivata con la conversione del Decreto Crescita (DL 34/2019). Riguarda i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), senza alcuna maggiorazione (Per un approfondimento consultare il nostro post ISA 2019: i nuovi studi di settore).

A differenza delle proroghe concesse negli anni precedenti, quest’anno, il maggior termine riguarda tutti i versamenti che scadono dal 30 giugno al 30 settembre 2019 e non prevede l’applicazione della maggiorazione dello 0,4%.

Versamenti Dichiarazione dei Redditi 2019: regole generali

Le nuove scadenze, introdotte con il decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017, relative al termine di versamento delle imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, secondo i termini ordinari, sono il 30-06 o il 30-07 con la maggiorazione dello 0,40%.

Come anticipato, a seguito della proroga dichiarazione dei redditi, i soggetti che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli indici ISA, e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito di 5.164.569,00 euro, i termini dei versamenti risultanti dalla dichiarazione dei redditi, IRAP e IVA, con una scadenza compresa dal 30 giugno al 30 settembre 2019, sono tutti prorogati al 30 settembre 2019 senza alcuna maggiorazione.

I soggetti che invece non rientrano nella proroga dei versamenti, sono tenuti a versare le imposte derivanti dal modello Redditi / Iva / Irap 2019 entro i termini ordinari:

  • 01-07-2019, in quanto il 30 giugno cade di domenica
  • 31-07-2019 con la maggiorazione dello 0,4% (30 giorni successivi al 1 luglio)

I versamenti vanno effettuati con modello F24, ricordardando che ormai il suddetto modulo F24 è utilizzabile prevalentemente in formato telematico. Il modello cartaceo (da presentare presso banche, uffici postali e Agenti della Riscossione) è ancora utilizzabile per i privati non titolari di partita Iva in assenza di compensazione. Per saperne di più sul funzionamento del modello F24 consultare il nostro post “Modello F24: ecco tutto quello che devi sapere…“).

Versamenti Dichiarazione dei Redditi 2019: pagamento a rate

È possibile rateizzare i versamenti dovuti a titolo di saldo e di acconto relativi alla dichiarazione dei redditi, a eccezione dell’acconto di novembre, da versare in un’unica soluzione. Sugli importi rateizzati sono dovuti gli interessi nella misura del 4% annuo da indicare nel modello F24 separatamente rispetto all’imposta dovuta. La prima scadenza per il versamento del 30 giugno può essere anche pagata a rate, fino a un massimo di sei rate entro e non oltre il 16 novembre (per il 2019 entro il 18 novembre considerando che il 16 cade di sabato).

La scadenza dei versamenti rateali è la seguente:

  • per i privati scadono entro la fine di ciascun mese
  • per i titolari di partita Iva scadono entro il giorno 16 di ciascun mese

ATTENZIONE: La scadenza del 16 agosto 2019 è spostata al 20 agosto.

Per i soggetti interessati dalla proroga dichiarazione dei redditi con versamento al 30-09-2019, la possibilità di rateizzare il pagamento delle imposte è ridotta. Infatti, il numero massimo delle rate scende a tre poiché i versamenti delle rate devono comunque avvenire entro novembre. Quindi, la nuova proroga dichiarazione dei redditi prevede i seguenti calendari.

  • Per i contribuenti titolari di P.IVA, le scadenze delle rate saranno:
    • 30-09-2019
    • 16-10-2019
    • 18-11-2019 (il 16-11 è un sabato)
  • Per i contribuenti NON titolari di P.IVA, le scadenze delle rate saranno:
    • 30-09-2019
    • 31-10-2019
    • 02-12-2019 (il 30-11 è un sabato)

Per i soggetti NON interessati dalla proroga dichiarazione dei redditi, estranei agli ISA, i termini di scadenza delle rate rimangono quelli ordinari, e sono riepilogati nelle seguenti tabelle:

NON TITOLARI DI PARTITA IVA
estranei agli ISA
RATAVERSAMENTO I RATA
ENTRO IL 01-07-2019
VERSAMENTO 1A RATA
ENTRO IL 31-07-2019
(con maggiorazione + 0,40%)
SCADENZA% INTERESSISCADENZA% INTERESSI
101-07-2019031-07-2019
231-07-20190,3231-07-20190
302-09-20190,6502-09-20190,33
430.09.20190,9830.09.20190,66
531-10-20191,3131-10-20190,99
602-12-20191,6402-12-20191,32
TITOLARI DI PARTITA IVA
estranei agli ISA
RATAVERSAMENTO 1A RATA
ENTRO IL 01.07.2019
VERSAMENTO 1A RATA
ENTRO IL 31.07.2019
(con maggiorazione + 0,40%)
SCADENZA% INTERESSISCADENZA% INTERESSI
101.07.2019001.07.2019
216.07.20190,1716.07.2019
320.08.20190,5020.08.20190,18
416.09.20190,8316.09.20190,51
516.10.20191,1616.10.20190,84
618.11.20191,4918.11.20191,17

Scadenze fiscali invio telematico dichiarazioni dei redditi

Le scadenze fiscali derivanti dalla dichiarazione dei reddit sono di due tipi ovvero quelle relative:

  • al versamento delle imposte, di cui abbiamo già ampiamente parlato
  • all’invio telematico della dichiarazione redditi all’Agenzia delle Entrate

Il termine per l’invio telematico, in precedenza fissato al 30 settembre, è stato anch’esso modificato dal Decreto Crescita e spostato al 30 novembre (per il 2019, 2 dicembre considerando che il 30 novembre cade di sabato).

L’invio telematico può essere effettuato tramite i servizi on line Fisconline e Entratel dell’Agenzia delle Entrate previa richiesta PIN o delle credenziali SPID oppure tramite intermediari autorizzati.

Coloro che possono ancora presentare la dichiarazione in forma cartacea presso gli uffici postali, devono farlo tra il 2 maggio e il 1 luglio 2019.


Dubbi, perplessità e domande invadono la tua testa?

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Ti basta fissare una Skype call per comunicare direttamente con i nostri Professionisti e ricevere l’assistenza necessaria.

Clicca il bottone qui sotto!
Facebook Comments

Post Raccomandati

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *