Aprire partita IVA: lavoro autonomo o società?

(Last Updated On: 3 Dic 2018)

Aprire partita IVA lavoro autonomo o società

In molti ci chiedono: aprire partita IVA singola o meglio una società tipo una SRL?

Infatti, quando ci si accinge ad avviare un nuovo business ci viene chiesto quale sia la scelta migliore: aprire Partita IVA autonoma? Costituire una società? E poi: quale Società? Come e quanto costa aprire una Partita IVA nel 2018? Ecco tutte le istruzioni e una guida su come fare.

Una premessa è doverosa: la formula magica non esiste e la valutazione di opportunità dipende da elementi soggettivi da valutare caso per caso. Cerchiamo in ogni caso di fornire una utile guida per chi si appresta ad aprire partita IVA, sia essa individuale che in forma societaria.

Società o lavoro autonomo?

Questo è il dilemma, perché anche se alcuni tipi di società sono “più sicure”, non è detto che siano le più appropriate al singolo caso. La scelta tra società e lavoro autonomo incide notevolmente sul futuro andamento dell’attività che ci si accinge ad avviare e, pertanto, deve essere presa tenendo conto del tipo di attività si intende svolgere, dei soggetti coinvolti nel progetto (ossia se si tratta di più di uno è preferibile costituire una società), dei rischi che potrebbero derivare da quel tipo di business e dei costi iniziali di avvio. Analizziamo le diverse opzioni per il nuovo imprenditore.

Generalmente, le motivazioni che spingono a scegliere il lavoro autonomo sono le seguenti:

  • attività da svolgere in forma individuale;
  • la forma giuridica con relativi adempimenti per la costituzione più semplice: infatti per costituire una ditta individuale occorre procedere con l’apertura partita iva ditta individuale, con l’iscrizione alla gestione commercianti ed artigiani INPS e al Registro delle Imprese;
  • possibilità di aderire al regime forfettario, ovvero un regime agevolato che può essere adottato solo alle persone fisiche titolari di Partita IVA (per un approfondimento su questo regime si consiglia di leggere la nostra guida GRATUITA: Partita IVA agevolata: Guida al Regime Forfettario 2019);
  • costi di gestione contenuti: anche i costi di tenuta della contabilità sono più bassi;
  • se dovesse andare male, chiudere una Partita IVA ha costi molto esigui;
  • i rischi connessi al business non sono rilevanti.

Inoltre, quando si decide di aprire la Partita IVA occorre anche verificare se l’attività che si andrà a svolgere ricade in quella delle ditte individuali o se trattasi di una libera professione (per un approfondimento sull’argomento si rimanda alla nostra Guida Ditta Individuale o Libero Professionista?).

Quali sono gli svantaggi del Lavoro Autonomo?

I principali svantaggi di avviare un’attività sotto forma di lavoro autonomo sono:

  • quando trattasi di utili cospicui la tassazione è sicuramente più elevata;
  • responsabilità illimitata del lavoro autonomo per le obbligazioni assunte (tale responsabilità nel caso di SRL/SRLS è limitata al solo capitale conferito nella società);
  • se le persone impegnate nel nuovo business sono due o più la scelta diventerà obbligata: SRL tradizionale o semplificata.

Come aprire una Partita IVA online: costi in vigore per il 2018

Se avviare un’attività da libero professionista non comporta particolari costi, considerando che occorre semplicemente aprire Partita IVA ed iscriversi alla gestione previdenziale di appartenenza, i costi per l’apertura di una ditta individuale, nella stragrande maggioranza dei casi, sono legati esclusivamente all’iscrizione presso la Camera di Commercio e sono:

  • € 18,00 per supporto telematico Camera di Commercio;
  • € 17,50 per marca da bollo supporto Telematico Camera di Commercio;
  • € 56,00 per diritto camerale annuale da versare entro 30 giorni dall’iscrizione alla CCIAA.

Società: quale scegliere?

Nel nostro ordinamento esistono due macro categorie di società: le società di persone e le società di capitali.

Quale tipo di società scegliere dipende da svariati fattori, quali ad esempio: regime di responsabilità, convenienza fiscale, convenienza economica, maggiore flessibilità di un tipo di società rispetto a un altro e via discorrendo.

Quali che siano i motivi, comunque, la scelta della forma societaria è molto delicata e sarebbe opportuno farsi assistere da un commercialista. È però possibile fornire in linea di massima alcuni suggerimenti e delucidazioni in modo da avere un quadro generale sull’argomento.

In questo post ci limitiamo ad analizzare le SRL/SRLS mentre per un’analisi approfondita sulle differenze, in particolare in termini di costi, si rimanda al post dedicato:

Quale Società Scegliere per il Tuo Business? E quanto mi costa?

SRL o SRLS?

Le società di capitali rappresentano la forma societaria più complessa e onerosa in materia di costituzione e adempimenti, ma con la maggiore tutela per i soci, che non rispondono dei debiti contratti dalla società con il proprio patrimonio.

Naturalmente la forma più diffusa è quella della società a responsabilità limitata, tale forma ha due diverse articolazioni:

  • ordinaria, in cui il capitale sociale minimo non può essere inferiore a € 10.000 e per la cui costituzione è necessaria la figura del notaio;
  • semplificata, ossia una versione più semplice in cui il capitale sociale minimo da versare parte da 1 euro.

Per scoprire tutto quello che occorre sapere sulle SRL leggi il nostro Ebook Gratuito “SRL o SRLS?”

Quanto costa aprire una SRL / SRLS?

Per avviare una SRL / SRLS occorre:

  • rivolgersi ad un Notaio per la redazione dello statuto;
  • sottoscrivere il capitale minimo che per le SRL non può essere inferiore a € 10.000, mentre  per SRLS il capitale sociale varia da € 1,00 a € 9.999;
  • aprire la Partita IVA;
  • richiedere la smart-card dell’amministratore alla Camera di Commercio e/o altro ente incaricato;
  • aprire una posta certificata intestata alla società;
  • iscriversi al Registro delle Imprese e presso albi, registri o elenchi richiesti per l’esercizio dell’attività;
  • iscriversi all’INPS ed eventualmente all’INAIL.

I costi da sostenere sono riepilogati nella seguente tabella:

DescrizioneSRLSRLS
ONORARIO NOTAIODA 1.400 € 0
DIRITTO CAMERALE120 €120 €
DIRITTI DI SEGRETERIA165 €ESENTE
IMPOSTA DI REGISTRO200 €200 €
DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA’200 €200 €
TASSE DI CONCESSIONE GOVERNATIVA309.87 €309.87 €
VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI 100 PAGINEDA 41 EURODA 41 EURO
INPS3.600 euro CIRCA PER SOCIO AMMINISTRATORE3.600 euro CIRCA PER SOCIO AMMINISTRATORE
INAILA SECONDA DEL SETTOREA SECONDA DEL SETTORE
DIRITTI DEPOSITO BILANCIO200 €200 €
PECDA 5 €DA 5 €
COMPENSO ANNUO COMMERCIALISTADA 1.800 €DA 1.800 €

Pro e Contro di una SRL / SRLS?

I principali vantaggi di una SRL sono:

  • possibilità di svolgere un’attività economica da soli o con altri limitando il rischio di impresa al capitale sottoscritto (c.d. responsabilità limitata);
  • possibilità di ripartire l’investimento iniziale tra più soci;
  • in caso di SRLS capitale sociale da € 1,00.

I principali svantaggi di questa forma giuridica sono:

  • costi elevati sia di costituzione che di gestione rispetto rispetto a un’impresa individuale;
  • maggiore burocrazia;
  • presenza di organi sociali quali consiglio di amministrazione e collegio sindacale (solo quando la società è obbligata a redigere il bilancio ordinario o consolidato);
  • esclusione contabilità semplificata e regime forfettario.

Infine, se il nuovo business andasse male anche la chiusura di una SRL è costosa.

Hai bisogno di aiuto per aprire Partita IVA?

Se hai bisogno di aiuto per aprire partita IVA evitando errori e costose sanzioni acquista la nostra consulenza Skype direttamente con un esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi.

OFFERTA: acquistando la consulenza via Skype della durata di 30 minuti le pratiche di start up sono GRATIS 

 

 

Se invece hai bisogno di aiuto per emettere la tua prima fattura o cerchi un software semplice ed intuitivo per emettere le tue fatture e per averle sempre e ovunque disponibili, scarica la nostra APP.

PROVA GRATIS per 30 giorni e richiedi il nostro supporto GRATUITO!
Per maggiori info visita la nostra pagina

 

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.