Nuovo Regime Forfettario: i Dettagli

Print Friendly, PDF & Email
(Last Updated On: 16 luglio 2018)

regime forfettario 2018

Il regime forfettario: Ecco il nuovo regime dei minimi 2016.

Cos’è? Come Funziona? Come si fa la Fattura? Ma si dice regime forfettario o forfetario?

Ecco per te le principali novità per il nuovo ed UNICO regime fiscale agevolato anche per il 2018.

Per tutte le persone fisiche che si accingono ad aprire partita IVA o svolgono già un’attività di lavoro autonomo, come una ditta individuale o una libera professione, dal primo gennaio 2016 l’unico regime fiscale agevolato in vigore è il regime forfettario.

Ma prima di tutto rispondiamo alla domanda:  “si dice forfetario o forfettario?”. Si possono scrivere entrambe le forme forfettario e forfetario:  ha origine dall’aggettivo francese forfaitaire, italianizzato in forfaitario, forma ormai in disuso e modificatasi in forfetario per adattamento della grafia all’effettiva pronuncia. Fatta questa doverosa precisazione passiamo ad analizzare  i requisiti, le cause di esclusione e i vantaggi.

Quali i requisiti del regime forfettario?

Possono accedere al regime forfettario i soggetti che sono già in attività e/o che iniziano un’attività di impresa, arte o professione, purché nell’anno precedente:

  • hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori determinati limiti, differenziati a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata;
  • hanno sostenuto spese per un ammontare complessivamente non superiore a 5.000 euro lordi, per lavoro accessorio, dipendente e per collaboratori;
  • hanno un costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, dei beni strumentali alla chiusura dell’esercizio non superiore a 20.000 euro;
  • hanno conseguito redditi di lavoro dipendente e assimilatinell’anno antecedente a quello in cui intendono avvalersi del regime agevolato, inferiori alla soglia di 30.000 Euro. Il rispetto di tale limite non rileva se il rapporto di lavoro dipendete o assimilato risulti cessato.

Attenzione, il regime forfettario non prevede una scadenza legata ad un numero di anni di attività o al raggiungimento di una particolare età anagrafica (nel regime dei minimi ad esempio era previsto che poteva essere utilizzato per cinque anni o, in alternativa, fino al raggiungimento del 35mo anno di età).

Quali sono le cause di esclusioni dal regime forfettario?

Il regime forfettario non può essere adottato dai seguenti soggetti:

  • persone fisiche che si avvalgono di regimi speciali ai fini dell’IVA o di regimi forfetari di determinazione del reddito;
  • non residenti, a eccezione di quelli che sono residenti in uno degli Stati membri dell’Unione europea o in uno Stato aderente all’Accordo sullo Spazio economico europeo che assicuri un adeguato scambio di informazioni e che producono nel territorio dello Stato italiano redditi che costituiscono almeno il 75% del reddito complessivamente prodotto
  • contribuenti che in via esclusiva o prevalente effettuano cessioni di fabbricati o porzioni di fabbricato, di terreni edificabili,  o di mezzi di trasporto nuovi
  • esercenti attività d’impresa, arti o professioni che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone o associazioni a esse assimilate, ovvero a società a responsabilità limitata trasparenti.

Il regime forfetario cessa di avere applicazione a partire dall’anno successivo a quello in cui viene meno una delle condizioni di accesso, oppure si verifica una delle cause di esclusione.

Quali sono le principali agevolazioni per il regime forfetario?

Le principali agevolazioni del regime forfetario sono:

  • esclusione dall’applicazione dell’IVA per le operazioni attive e indetraibilità dell’IVA sugli acquisti;
  • non assoggettamento a ritenuta d’acconto sui compensi;
  • possibilità di sostenere spese per l’impiego di lavoratori non superiori a € 5.000 lordi annui;
  • esclusione dall’applicazione degli studi di settore;
  • esonero dalla tenuta delle scritture contabili, sia ai fini IVA che reddituali;
  • esclusione dall’IRAP;
  • determinazione forfetaria del reddito, applicazione di una percentuale di redditività e irrilevanza delle spese sostenute;
  • applicazione di un’imposta sostitutiva pari al 15% ovvero al 5% se trattasi dei primi cinque anni di attività.

Ma il regime forfettario conviene sempre?

Nel regime forfettario non è possibile scaricare i costi in quanto il calcolo del reddito imponibile non avviene in maniera analitica (Ricavi – costi) bensì in maniera forfetaria applicando ai ricavi delle percentuali di reddività.

Inoltre, quando si adotta il regime forfettario non è possibile usufruire delle detrazioni e deduzioni previste per l’IRPEF come ad esempio le spese mediche, gli interessi sui mutui, le assicurazioni sulla vita, etc fatta eccezione dei contribuenti che hanno, oltre il reddito di lavoro autonomo, anche altri redditi assoggettati ad IRPEF quali ad esempio redditi di lavoro dipendente o redditi di fabbricati.

Di conseguenza per capire se il regime forfettario è più conveniente del regime ordinario occorre valutare caso per caso facendo attenzione in particolare:

  • alle deduzioni e detrazioni IRPEF se possono essere recuperate;
  • ai costi sostenuti per l’attività

Per un maggiore approfondimento sull’argomento si rimanda al nostro articolo “regime forfettario: quando conviene? dove sono riportati anche casi pratici, utili per capire quale regime è più convienente.

Quali sono le agevolazioni per chi decide di aprire partita IVA?

Per chi apre partita IVA è assoggettato ad un’imposta sostitutiva del 5%, per i primi 5 anni di attività ma è necessario che:

  • il contribuente non abbia esercitato, nei tre anni precedenti l’inizio dell’attività, attività artistica, professionale ovvero d’impresa, anche in forma associata o familiare;
  • l’attività da esercitare non costituisca, in nessun modo, mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, escluso il caso in cui l’attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria ai fini dell’esercizio di arti o professioni;
  • qualora venga proseguita un’attività svolta in precedenza da altro soggetto, l’ammontare dei relativi ricavi e compensi, realizzati nel periodo d’imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio, non sia superiore ai limiti che, a seconda dell’attività, consentono l’accesso al regime.

La possibilità di applicare l’imposta sostituiva al 5% è riconosciuta anche ai soggetti che applicavano il regime fiscale di vantaggio al 31 dicembre 2014 e che hanno i requisiti previsti per applicare la nuova agevolazione.

Come si aderisce al regime forfetario?

Il nuovo regime forfetario rappresenta un regime naturale che potrà essere applicato da tutte le persone fisiche (imprenditori e professionisti) che rispettano i requisiti richiesti dal regime e non ricadono nelle fattispecie escluse.

Di conseguenza, il nuovo regime forfetario può essere applicato senza la necessità di effettuare una opzione specifica o una comunicazione preventiva all’Agenzia delle Entrate.

Come si calcola il reddito di un contribuente forfetario?

Ai fini del calcolo dell’imponibile da assoggettare ad imposta sostitutiva del 5% o del 15%, si applicano ai ricavi/compensi conseguiti i coefficienti di redditività diversi per ogni categoria.

Utilizza il nostro tool gratuito per una simulare le imposte da versare sulla base del fatturato realizzato.

Nella tabella che segue si riportano i limiti di ricavi e compensi e la relativa percentuale di redditività per ogni Codice Attività Atecofin.

Gruppo di settore Attività ATECO 2007 Soglia ricavi / compensi Coefficienti di redditività
Industrie alimentari e delle bevande (10 – 11) 45.000 40%
Commercio all’ingrosso e al dettaglio 45 – (da 46.2 a 46.9) – (da 47.1 a 47.7) – 47.9 50.000 40%
Commercio ambulante di altri prodotti 47.82 – 47.89 30.000 54%
Costruzioni e attività immobiliari (41 – 42 – 43) – (68) 25.000 86%
Intermediari del commercio 46.1 25.000 62%
Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (55 – 56) 50.000 40%
Attività professionali, scientifiche, tecniche, sanitarie, di istruzione, servizi finanziari ed assicurativi (64 – 65 – 66) – (69 – 70 – 71 – 72 – 73 – 74 – 75) – (85) – (86 – 87 – 88) 30.000 78%
Altre attività economiche (01 – 02 – 03) –(05 – 06 –07 – 08 – 09) – (12 – 13 – 14 – 15 – 16 – 17 – 18 – 19 – 20 – 21 – 22 – 23 – 24 – 25 – 26 – 27 – 28 – 29 – 30 – 31 –32 – 33) – (35) – (36 – 37 – 38 – 39) – (49 – 50 – 51 – 52 – 53) – (58 – 59 – 60 – 61 – 62 – 63) – (77 – 78 – 79 – 80 – 81 – 82) – (84) – (90 – 91 – 92 – 93) – (94 – 95 – 96) – (97 – 98) – (99) 30.000 67%

 

Come va emessa la fattura nel nuovo regime forfettario?

La fattura per coloro che aderiscono al regime forfetario deve riportare le seguenti diciture:

  • “Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’articolo 1, comma 58, Legge n. 190/2014, regime forfettario.”
  • “Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto come previsto dall’art. 1, comma 67, Legge n. 190/2014”.

Per l’assoggettamento o meno alla imposta di bollo sarebbe opportuno riportare la dicitura: “Imposta di bollo assolta sull’originale.” (solo se la fattura supera 77,47 euro).

Per un approfondimento è possibile consultare il nostro articolo “Come fare la fattura nel regime forfettario”

Come va emessa la fattura per cessioni intracomunitarie?

Il contribuente forfettario italiano che effettua prestazioni di servizi generiche ai sensi dell’art. 7-ter del D.P.R. n. 633/1972, nei confronti di soggetti passivi IVA con residenza in un altro Paese UE, non effettua un’operazione intracomunitaria bensì un’operazione interna senza diritto di rivalsa.

In questo caso, la dicitura fattura sarà sempre: “Operazione effettuata ai sensi dell’art. 1, commi da 54 a 89 della Legge n. 190/2014 – Regime forfetario”.

Inoltre, in caso di cessioni intra, il contribuente forfetario non deve presentare il modello Intrastat di beni o servizi.

Come va emessa la fattura per operazioni con l’estero?

Il contribuente forfetario in caso di cessioni all’esportazione, deve indicare nella fattura i riferimenti dell’’art. 8 del DPR n. 633/1972 e la dicitura “operazione non imponibile” ai sensi dell’art. 21, comma 6, lett. b) del DPR n. 633/1972.

Se vuoi avere maggiori informazioni sul regime forfettario, puoi scaricare l’ebook gratuito che abbiamo realizzato a questo link.

E’ tutto chiaro fin qui?

Per ulteriori approfondimenti su come avviare correttamente la tua attività in proprio risparmiando imposte e contributi scarica il nostro E-BOOK GRATUITO Regime Forfettario 2016.

Hai bisogno di aiuto per emettere le tua prima fattura?

Se hai bisogno di aiuto per emettere le tue fatture o semplicemente cerchi un software semplice ed intuitivo per emettere le tue fatture e per averle sempre e ovunque disponibili scarica la nostra APP.

PROVA GRATIS per 30 giorni e richiedi il nostro supporto GRATUITO!

Per maggiori info visita la nostra pagina

Facebook Comments
12 commenti
  1. Giuseppina
    Giuseppina dice:

    Salve se per l’anno 2016 ho avuto un fatturato per un importo pari a 40000 euro con il regime dei minimi come consulente informatico, sono esclusa quest’ anno dal regime fortettario? I 30000 euro di reddito come vanno calcolati? Grazie!

    Rispondi
  2. Franco
    Franco dice:

    Buongiorno,
    Lavoro per un azienda Full Time a tempo pieno.
    Se apro una partita iva (per vendere corsi online) posso aderire a questo regime?
    P.S. ma devo versare due volti i contributi?

    Rispondi
  3. Matteo
    Matteo dice:

    Salve
    sono lavoratore dipendente con regolare contratto a tempo indeterminato. ho un salario superiore ai 30.000 annui.
    ho trovato la possibilità di lavorare per un azienda nel ruolo di online mapping rater per un massimo di 20 ore settimanali..
    Il compenso, dovrebbe essere di media 250€ al mese…
    Sul contratto però è chiesto che il lavoratore provveda al pagamento delle tasse autonomamente. mi chiedevo quindi cosa devo fare, devo aprire partita IVA? conviene per 3000/4000€ all’anno?

    Grazie per una vostra risposta,
    Buona giornata,
    Matteo

    Rispondi
  4. Luca
    Luca dice:

    Salve, sono un dipendente con un reddito netto di circa 25.000 (lordo superiore ai 40.000).
    Avrei bisogno di aprire una P.IVA con regime forfettario per gestire degli altri ricavi una tantum di circa 10.000 per il prossimo anno.
    Posso aprire la P.IVA con regime forfettario? o sono obbligato ad aprire una P.IVA ordinaria.(la somma dei due redditi è superiore ai 30.000 infatti. I 30.000 si riferiscono solamente alla P.IVA o alla somma dei redditi?)
    Altrimenti come posso fare per incassare tali 10.000? Prestazione occasionale?
    Grazie per risposta
    Luca

    Rispondi
    • Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela
      Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela dice:

      Gentile Luca,
      i due redditi non si cumulano e può usufruire del regime forfetario se il cud relativo all’anno precedente è inferiore i 30.000 euro.
      Se inoltre l’attività da lei svolta richiede l’iscrizione in camera di commercio può chiedere l’esenzione per il versamento dei contributi inps gestione commercianti.
      Cordialità

      Rispondi
  5. Domenico Italo
    Domenico Italo dice:

    Salve sono un lavoratore autonomo possessore di partita iva con regime forfettario, mi è stato offerto un lavoro come dipendente con stipendio di 1200€ al mese netti volevo sapere come si calcolano le imposte sulla dichiarazione dei redditi a fine anno per avere un’idea delle imposte da pagare

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.