fbpx Skip to content
FAMILIARI A CARICO 2020

Familiari a carico: chi sono e come sono considerati nella Dichiarazione dei Redditi

(Last Updated On: 2 Marzo 2020)

Quando si parla di Dichiarazione dei Redditi uno dei principali fattori da tenere in considerazione è rappresentato dai familiari a carico. La compresenza di essi con determinati requisiti reddituali permette di beneficiare di alcuni bonus e forme di sostegno al reddito. Le informazioni richieste nella apposita sezione del Modello 730/2020, relativo all’anno 2019, si riferiscono ai componenti del nucleo familiare che risultano esser stati fiscalmente a carico del dichiarante, siano essi rappresentati dai figli, dal coniuge o altri.

Chi sono i familiari a carico?

La definizione di familiare fiscalmente a carico si riferisce ai componenti del nucleo familiare che hanno percepito un reddito annuale totale pari o inferiore a un determinato importo. Tale soglia economica è ben specificata all’interno della Legge di Bilancio 2020. I familiari fiscalmente a carico, in linea generale, vivono con il contribuente, ma in alcuni casi, potrebbero risultare residenti all’estero.

Analizzando nel dettaglio la definizione di componente della famiglia a carico, è possibile definire tali le seguenti figure:

1 – figli naturali, adottati, affiliati o affidati

2 – coniuge non legalmente separato

3 – altri familiari che vivono sotto lo stesso tetto del dichiarante o che ricevono gli assegni alimentari pagati dal contribuente dichiarante (ne sono un esempio il coniuge legalmente separato, i genitori, i nipoti, i nonni, le sorelle e i fratelli, i suoceri, le nuore e i generi)

ATTENZIONE: sulla base della fascia di reddito a cui si appartiene, si determina la percentuale di detrazioni spettanti. La percentuale di quota così imputabile è definita dall’articolo 12 del TUIR nella misura del 50% o del 100%

Il reddito e l’età dei familiari fiscalmente a carico

Un familiare è definito fiscalmente a carico nel caso in cui il proprio reddito complessivo annuale, secondo la Legge di Bilancio 2020, sia pari o inferiore a 2.840,51 euro lordi.
Da precisare, inoltre, che sono definiti a carico i figli fino a 24 anni d’età con un reddito annuale lordo totale pari o inferiore a 4.000 euro.

Da cosa è determinato il reddito complessivo lordo del 2019?

Contribuiscono al calcolo del reddito totale lordo anche i seguenti punti:

  1. compensi ricevuti da Enti e Organismi Internazionali, missioni, Enti Centrali della Chiesa Cattolica, Santa Sede e Rappresentanze consolari e diplomatiche
  2. quota esente dei redditi di lavoro dipendente svolto nelle aree di frontiera
  3. reddito d’impresa o lavoro autonomo assoggettato a imposta sostitutiva in applicazione del regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità, o del regime forfettario per gli esercenti di attività d’impresa, arti o professioni
  4. reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni

NOTA BENE: nel caso in cui nel corso del 2019 la composizione del nucleo familiare sia cambiata, è necessario compilare per ogni singola variazione un rigo del Modello 730/2020

Cosa succede alle detrazioni figli a carico 2020 se i genitori sono separati?

In linea generale, le detrazioni dei figli a carico per l’anno 2020 devono essere equamente divise tra i due genitori non legalmente separati, nella misura del 50 e 50%, e sulla base di un accordo tra le parti. In alternativa, gli importi relativi alle detrazioni spetterebbero al genitore il cui reddito è maggiore.

Quando, invece, i genitori sono legalmente separati, o il matrimonio risulta cessato o sciolto, le detrazioni fiscali spettano al genitore affidatario. Quando l’affidamento è congiunto o condiviso, la detrazione corrisponde al 50%.

ATTENZIONE: qualora l’affidamento fosse congiunto e uno dei due genitori non fosse nella condizione di poter richiedere e fruire della detrazione spettante, questa andrebbe interamente all’altro genitore. Quest’ultimo, poi, è chiamato a versare all’ex coniuge il 50% dell’importo percepito. H2

Assegni familiari per il coniuge a carico

Gli assegni familiari sono rappresentati da un contributo previdenziale erogato direttamente dall’INPS a favore di tutti quei lavoratori contribuenti a cui non spettano gli Assegni Nucleo Familiare (ANF).

Nello specifico, coltivatori diretti, mezzadri, coloni e titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi sono i principali destinatari degli assegni familiari. I suddetti contribuenti godono il diritto di riscuotere un contributo per ogni familiare a carico.

NOTA BENE: il coniuge è considerato come familiare a carico solo quando il richiedente dell’assegno risulta essere titolare di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.



Commenti Facebook
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

Fattura elettronica

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva

icona ilcommercialistaonline.it

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva

Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI