Skip to content
FAMILIARI A CARICO 2020

Familiari a carico: chi sono e come sono considerati nella Dichiarazione dei Redditi

Sommario
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
(Last Updated On: 26 Maggio 2020)

Quando si parla di Dichiarazione dei Redditi uno dei principali fattori da tenere in considerazione è rappresentato dai familiari a carico. La compresenza di essi con determinati requisiti reddituali permette di beneficiare di alcuni bonus e forme di sostegno al reddito. Le informazioni richieste nella apposita sezione del Modello 730/2020, relativo all’anno 2019, si riferiscono ai componenti del nucleo familiare che risultano esser stati fiscalmente a carico del dichiarante, siano essi rappresentati dai figli, dal coniuge o altri.

Chi sono i familiari a carico?

La definizione di familiare fiscalmente a carico si riferisce ai componenti del nucleo familiare che hanno percepito un reddito annuale totale pari o inferiore a un determinato importo. Tale soglia economica è ben specificata all’interno della Legge di Bilancio 2020. I familiari fiscalmente a carico, in linea generale, vivono con il contribuente, ma in alcuni casi, potrebbero risultare residenti all’estero.

Analizzando nel dettaglio la definizione di componente della famiglia a carico, è possibile definire tali le seguenti figure:

1 – figli naturali, adottati, affiliati o affidati

2 – coniuge non legalmente separato

3 – altri familiari che vivono sotto lo stesso tetto del dichiarante o che ricevono gli assegni alimentari pagati dal contribuente dichiarante (ne sono un esempio il coniuge legalmente separato, i genitori, i nipoti, i nonni, le sorelle e i fratelli, i suoceri, le nuore e i generi)

ATTENZIONE: sulla base della fascia di reddito a cui si appartiene, si determina la percentuale di detrazioni spettanti. La percentuale di quota così imputabile è definita dall’articolo 12 del TUIR nella misura del 50% o del 100%

Il reddito e l’età dei familiari fiscalmente a carico

Un familiare è definito fiscalmente a carico nel caso in cui il proprio reddito complessivo annuale, secondo la Legge di Bilancio 2020, sia pari o inferiore a 2.840,51 euro lordi.
Da precisare, inoltre, che sono definiti a carico i figli fino a 24 anni d’età con un reddito annuale lordo totale pari o inferiore a 4.000 euro.

Da cosa è determinato il reddito complessivo lordo del 2019?

Contribuiscono al calcolo del reddito totale lordo anche i seguenti punti:

  1. compensi ricevuti da Enti e Organismi Internazionali, missioni, Enti Centrali della Chiesa Cattolica, Santa Sede e Rappresentanze consolari e diplomatiche
  2. quota esente dei redditi di lavoro dipendente svolto nelle aree di frontiera
  3. reddito d’impresa o lavoro autonomo assoggettato a imposta sostitutiva in applicazione del regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità, o del regime forfettario per gli esercenti di attività d’impresa, arti o professioni
  4. reddito dei fabbricati assoggettato alla cedolare secca sulle locazioni

NOTA BENE: nel caso in cui nel corso del 2019 la composizione del nucleo familiare sia cambiata, è necessario compilare per ogni singola variazione un rigo del Modello 730/2020

Cosa succede alle detrazioni figli a carico 2020 se i genitori sono separati?

In linea generale, le detrazioni dei figli a carico per l’anno 2020 devono essere equamente divise tra i due genitori non legalmente separati, nella misura del 50 e 50%, e sulla base di un accordo tra le parti. In alternativa, gli importi relativi alle detrazioni spetterebbero al genitore il cui reddito è maggiore.

Quando, invece, i genitori sono legalmente separati, o il matrimonio risulta cessato o sciolto, le detrazioni fiscali spettano al genitore affidatario. Quando l’affidamento è congiunto o condiviso, la detrazione corrisponde al 50%.

ATTENZIONE: qualora l’affidamento fosse congiunto e uno dei due genitori non fosse nella condizione di poter richiedere e fruire della detrazione spettante, questa andrebbe interamente all’altro genitore. Quest’ultimo, poi, è chiamato a versare all’ex coniuge il 50% dell’importo percepito. H2

Assegni familiari per il coniuge a carico

Gli assegni familiari sono rappresentati da un contributo previdenziale erogato direttamente dall’INPS a favore di tutti quei lavoratori contribuenti a cui non spettano gli Assegni Nucleo Familiare (ANF).

Nello specifico, coltivatori diretti, mezzadri, coloni e titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi sono i principali destinatari degli assegni familiari. I suddetti contribuenti godono il diritto di riscuotere un contributo per ogni familiare a carico.

NOTA BENE: il coniuge è considerato come familiare a carico solo quando il richiedente dell’assegno risulta essere titolare di pensione a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi.




bonus vacanze 2020

Bonus vacanze 2020: come richiederlo

(Last Updated On: 6 Luglio 2020) L’estate è arrivata e con essa la voglia di andare in vacanza. Quest’anno sarà tutto diverso, ma per consentire

finanziamento 30.000 euro covid 19

Finanziamento 30.000 euro Covid-19

(Last Updated On: 6 Luglio 2020) Il decreto Liquidità, a seguito della conversione in legge 5 giugno 2020, n. 40, ha subito alcune modifiche. Di

Lascia un commento Facebook

Aggiungi il tuo commento!


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

Fattura elettronica

Scarica l’app

app per Android

app per iOS

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?

Unisciti ad oltre 25.000 iscritti

Iscriviti alla Newsletter de “Il Commercialista Online” per ricevere utili aggiornamenti gratuiti su fisco, lavoro e contabilità.

icona ilcommercialistaonline.it

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva

Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI