Di Categorie: Regime ForfettarioPubblicato il: 08/04/2021Last Updated: 11/04/2021

Il Fisco è noto anche per gli accertamenti ai titolari di partita iva, compresi i controlli Regime Forfettario. Si sente, infatti, spesso parlare di verifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate volte a confermare i dati dichiarati dai liberi professionisti e dagli imprenditori.
In caso di controlli, come bisogna comportarsi? Cosa è necessario presentare? Quali sono i documenti da tenere sempre a disposizione per dimostrare la propria posizione fiscale?

Controlli Regime Forfettario: nessuno escluso!

Il Regime Forfetario è un regime fiscale agevolato che offre facilitazione ai titolari di partita iva che lo adottano. Tra i principali benefici, è bene citare la contabilità semplificata, l’esenzione dall’IVA e dagli studi di settore, e la ridotta imposta sostitutiva al 15% o 5%.

Nonostante le agevolazioni, i titolari di partita iva in regime forfettario, non sono in alcun modo dimenticati dal Fisco. Anch’essi, infatti, sono oggetto di verifiche, controlli e accertamenti volti a rilevare abusi da parte di soggetti “furbetti” e omissione di dati contabili, specie in fase di dichiarazione dei redditi.

Scopriamo insieme i principali controlli regime forfettario che potrebbero essere attivati nei confronti dei titolari di partita iva agevolata.

Dichiarazione dei redditi e Certificazione Unica

Gli accertamenti dell’Agenzia delle Entrate sui titolari di partita iva agevolata sono relativamente semplici e diretti da effettuare.

Il principale confronto che il Fisco esegue è tra i dati della Dichiarazione dei Redditi del contribuente e la Certificazione Unica inviata dalle aziende con le quali si è instaurata la collaborazione professionale.

ESEMPIO

Tizio, grafico freelance, dichiara di aver fatturato 6.000 euro con l’azienda Y.
L’azienda Y presenta una Certifica Unica differente.

Sussiste un’irregolarità, soggetta a più controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Secondo quanto appena scritto, è facile intuire che a fare i furbetti in questo caso, si è scoperti in tempi brevi e con un semplice controllo regime forfettario incrociato. Meglio evitare.

Determinazione forfettaria delle spese

Una delle principali caratteristiche del regime forfettario è il conteggio appunto “forfettario” dei costi. Non è, infatti, possibile inserire manualmente le voci di spesa, salvo i contributi previdenziali. La determinazione dei costi è forfettaria in base alla tipologia di attività svolta e del codice ateco scelto in fase di apertura della partita iva.

Questo significa che è impossibile alterare i dati della Dichiarazione dei Redditi, variando le spese o inserendone di inesistenti!

Quando si attivano i controlli regime forfettario?

Sono 4 i principali controlli regime forfettario ad opera dell’Agenzia delle Entrate nei confronti dei titolari di partita iva agevolata.

Dichiarazione dei Redditi in ritardo

L’Agenzia delle Entrate è solita richiamare i titolari di partita iva forfettario che non inviano la propria Dichiarazione dei Redditi entro il termine previsto dalla legge.

L’attività del Commercialista in questo caso è cruciale per evitare solleciti o sanzioni legati al ritardo nella presentazione della Dichiarazione dei Redditi.

Se temi di non rispettare le scadenze, affidati a noi: Contabilità Online CommercialistaOnline

Mancato invio della Dichiarazione dei Redditi

Se nonostante il richiamo da parte del Fisco, il contribuente non procede all’invio della Dichiarazione dei Redditi, è molto probabile che l’Agenzia delle Entrate proceda con la richiesta di visione dello storico delle fatture emesse nel corso dell’anno d’imposta. Tal eoperazione è volta ad accertare l’assenza di irregolarità varie.

NOTA BENE: l’omessa presentazione della Dichiarazione dei Redditi può essere soggetta anche a sanzioni amministrative.

Presenza di irregolarità nella Dichiarazione dei Redditi

Si tratta di uno dei casi più frequenti e comuni, ossia la non corrispondenza tra gli importi dichiarati dal titolare della partita iva agevolata e le somme presenti nella Certificazione Unica presentata dall’azienda o dall’ente committente in generale.

In tal situazione, può essere richiesto lo storico delle fatture al fine di svolgere una valutazione più dettagliata e approfondita.

Requisiti di adesione al Regime Forfettario

In alcuni casi, i soggetti titolari di partita iva aderiscono al regime forfettario senza rispondere ai requisiti richiesti.

Al fine di evitare errori di questo tipo e conseguenti sanzioni, è sempre bene rivolgersi a un professionista qualificato.

Scarica i nostri eBook gratuiti

Aprire Partita IVA - Ebook Il commercialista Online
Regime Forfettario - Ebook Il commercialista Online
Come funziona la SRL - Ebook Il commercialista Online
Commenti

Altri approfondimenti