Skip to content
Chiusura partita iva

Chiusura Partita IVA: Ecco come evitare errori e sanzioni

Sommario
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
(Last Updated On: 28 Maggio 2020)

Tutto quello che occorre sapere per procedere con la chiusura partita IVA senza incorrere in salate cartelle esattoriali.

Se aprire partita IVA rappresenta l’inizio di un nuovo percorso carico di aspettative, capita che purtroppo non tutto vada per il verso giusto. Oppure, molto semplicemente si decida di intraprendere una strada diversa. Molte sono le domande che ci vengono poste da chi si accinge a cessare la propria attività, cerchiamo di rispondere con questo post ai più comuni quesiti posti da chi si trova in questa fase. Scopriamo insieme come procedere alla chiusura partita iva.

Come chiudere partita IVA

Cessare la partita IVA di un libero professionista è molto semplice e la procedura è gratuita. Trattasi dello stesso procedimento sia per coloro che adottano il regime fiscale ordinario, che per coloro che adottano il regime forfettario. Infatti, occorre comunicare all’Agenzia delle Entrate la cessazione della propria attività, entro 30 giorni, con un apposito modulo modello AA9/12. Una volta compilato il modello compilato è possibile effettuare:

  • la consegna cartacea presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate,
  • la spedizione tramite raccomandata A/R, oppure
  • l’invio telematico tramite intermediario abilitato.

Tuttavia, quando occorre chiudere una ditta individuale la procedura è diversa: vediamo nel dettaglio.

Chiudere la Partita IVA di una ditta indivduale

Quando una partita IVA è iscritta al Registro delle Imprese, per cessare correttamente l’attività occorre utilizzare ComUnica, il software online del Registro delle Imprese. In questo modo è possibile cessare, con un’unica procedura, tutte le iscrizioni e quindi chiudere l’iscrizione in Camera di Commercio, INPS, INAIL e Agenzia delle Entrate.

Per un approfondimento sui costi di chiusura della partita IVA consultare il nostro post al seguente link: Quali i costi per chiudere la partita IVA

Come verifico se una partita IVA è iscritta al Registro Imprese?

Per verificare se un soggetto è iscritto o meno in Camera di Commercio occorre effettuare una ricerca presso il Registro delle Imprese utilizzando il Codice Fiscale oppure la partita IVA. Occorre quindi procedere con la richiesta di una visura camerale se il soggetto risulta iscritto. Per scoprire come richiedere una visura camerale gratuita consultare il nostro post “Visura Gratuita: Ecco Come Fare“.

Ho chiuso la mia partita IVA ma continuo a ricevere cartelle di pagamento dall’INPS: perché?

Capita sovente che venga chiusa la sola partita IVA senza procedere alla cessazione dell’iscrizione in Camera di Commercio e all’INPS Gestione Artigiani e Commercianti. In questo caso, per poter chiedere lo sgravio dei contributi INPS, occorre fare una chiusura retroattiva al Registro Imprese (operazione soggetta a sanzione per tardiva comunicazione) e successivamente chiedere il ricalcolo dei contributi effettivamente dovuti all’INPS.

In questa situazione, è necessario capire se trattasi di attività soggetta a SCIA di chiusura, modello con il quale effettuare la comunicazione tardiva in CCIAA.

Dopo la chiusura della partita IVA occorre comunque versare l’INPS per tutto l’anno?

I titolari di partita IVA iscritti all’INPS Gestione Artigiani e Commercianti versano i contributi INPS fissi sul reddito minimale. L’obbligo di versamento sorge dal momento in cui viene avviata l’attività in Camera di Commercio e termina nel momento in cui avviena la cessazione dell’attività. Pertanto, in caso di cessazione dell’attività in corso d’anno, i contributi non sono dovuti per tutto l’anno, ma occorre chiedere il ricalcolo all’INPS.

Il diritto camerale si paga per l’intero anno?

Le imprese individuali devono versare il diritto annuale per tutto l’anno solare, anche se l’attività viene cessata in corso d’anno. Ma attenzione, per essere esonerati dall’obbligo di pagamento è indispensabile aver presentato la domanda di cancellazione dal Registro delle Imprese. Fin quando la domanda non venga validamente presentata il tributo è dovuto per ogni anno non frazionabile in cui si è mantenuta l’iscrizione, anche se l’attività è già cessata.

Chiusura partita IVA retroattiva: sanzioni

Per sanare l’omessa presentazione della comunicazione di cessazione partita IVA, occorre presentare il modello tardivamente. La mancata presentazione del modello AA9/12 non è più sanzionabile così come stabilito dall’Agenzia delle Entrate che, con la risoluzione n. 7/E/2017, ha abolito il codice tributo 8120, codice necessario per il pagamento della sanzione.
Inoltre, come stabilito dal DL 193/2016 «L’agenzia delle Entrate procede d’ufficio alla chiusura delle partite IVA dei soggetti che, sulla base dei dati e degli elementi in suo possesso, risultano non aver esercitato nelle tre annualità precedenti attività d’impresa ovvero artistiche e professionali. Sono fatti salvi i poteri di controllo e accertamento dell’amministrazione finanziaria».

Se chiudo la Partita IVA ho diritto alla disoccupazione?

Le ditti individuali, i lavoratori autonomi, i liberi professionisti che chiudono la partita IVA non hanno diritto ad alcuna indennità di disoccupazione. Infatti in Italia i lavoratori autonomi n genere non hanno diritto ad alcun ammortizzatore sociale, ma solo i lavoratori dipendenti, con determinati requisiti contributivi, possono richiedere la NaSpi all’INPS.

Come verificare se una partita IVA è cessata?

In molti ci chiedono: “Ho chiesto al mio commercialista di procedere con chiusura partita IVA ma come posso verificare l’avvenuta cessazione?”

Successivamente alla presentazione del modello di cessazione dell’attività, è possibile verificare l’effettiva chiusura tramite il sito internet dell’Agenzia delle Entrate inserendo il numero di partita IVA nell’apposito campo, digitando il codice numerico per confermare e poi cliccando sul tasto INVIA.

Per un approfondimento consultare il nostro post “Ricerca Partita IVA: i Migliori Tool Online.

Devo ancora incassare dei crediti: posso chiudere la partita IVA?

Il professionista che ha ancora crediti da incassare, secondo quanto sottolineato dall’Agenzia delle Entrate nella circolare 11/E del 2007, non può chiudere la partita IVA fino a quando tutti i rapporti vengono chiusi: deve quindi rimanere aperta fino all’incasso di tutti i crediti scaturiti dall’attività.

In alternativa è possibile, regolarizzare in anticipo le proprie pendenze fiscali, emettendo tutte le fatture attive, versando l’IVA se dovuta e imputando all’ultimo anno anche le operazioni che non hanno avuto ancora manifestazione finanziaria.

Si può procedere con la chiusura partita IVA anche se ho debiti da saldare?

La chiusura della partita IVA è possibile anche quando un soggetto ha contratto dei debiti con la sua attività e non è riuscito a pagarli. Infatti, i creditori potranno comunque rivalersi sul patrimonio del titolare della partita IVA e sui suoi beni personali. Questo criterio è valido sia per le ditte individuali, che per i liberi professionisti, per gli artigiani e i lavoratori autonomi, che rispondono illimitatamente dei debiti contratti con l’attività.

Ho erroneamente chiuso la partita IVA, come posso rimediare?

Per rimediare ad una errata chiusura partita IVA occorre:

  • in caso di Partita IVA iscritta in CCIAA, presentare una nuova ComUnica, per annullare la comunicazione precedente (quella di cessazione) e riattivare anche tutte le tue posizioni INPS, INAIL e Camera di Commercio;
  • in caso di Partita IVA non iscritta in CCIAA, presentare il modello AA9/11 per chiedere la riattivazione all’Agenzia delle Entrate.

Suggerisci un nuovo post: GRATIS per te la nostra APP!


Quali sono gli argomenti che vorresti approfondire? Scrivilo liberamente nei commenti a fondo pagina e se non sono già stati trattati in post precedenti valuteremo di occuparcene nei prossimi articoli oppure invia una email a info@ilcommercialistaonline.it

Se l’argomento sarà oggetto di un nuovo post per te la nostra APP sarà GRATIS per 3 mesi!

Chiusura partita IVA: chiedi info

Se hai necissità di chiudere la partita IVA chiedi un preventivo gratuito al nostro Staff. Per dissipare i tuoi dubbi acquista la nostra consulenza skype direttamente con un nostro esperto



12 Commenti

  1. Buongiorno, se chiudo la mia partiva iva con dei contratti ancora in essere, questi contratti sono nulli?

  2. Buongiorno, se chiudo la mia partiva iva con dei contratti ancora in essere, questi contratti sono nulli?

  3. Buongiorno, se chiudo la mia partiva iva con dei contratti ancora in essere, questi contratti sono nulli?

  4. Con la Comunicazione Unica posso cancellarmi dal R.I. senza chiudere la P.IVA?

    Ho cambiato attività, da agente (iscritto al R.I.) a lavoratore autonomo esercente attività musicale che non necessita di iscrizione al R.I., mantenendo il numero di partita IVA e medesimo regime fiscale (forfettario).

    In Comunica Starweb posso serenamente agire nella sezione Comunicazione Unica Impresa > Cancellazione e tale azione viene recepita dalla CamCom, senza rischiare che l’AdE chiuda la mia P.IVA? Oppure invece della sezione ”Cancellazione” devo andare nella sezione ”variazioni”?

    Il manuale di ComUnica Starweb non è sufficiente. La CamCom della mia città mi sa dare solo assistenza sulla parte che compete il R.I. e non sa dirmi come procedere, data la mia esigenza.

    Grazie

  5. Buongiorno, solo una curiosità attinente ad un caso effettivamente accadutomi. Circa venti anni fa cedo la mia attività di somministrazione alimenti e bevande facendomi seguire in tutto l’iter di cessione dalla mia commercialista che, nel corso degli anni, mi aveva anche sempre seguito per la contabilità del suddetto locale. Mi allontano quindi per un lunghissimo periodo dall’Italia per lavoro e vi rientro solo di recente. Improvvisamente, all’inizio di quest’anno ricevo un’Intimazione di Pagamento per mancato pagamento del Diritto Annuale della Camera di Commercio per l’anno 2012. Casco dalle nuvole poiché ero convinto che la mia commercialista avesse provveduto a chiudere ogni mia posizione. Recandomi all’Agenzia delle Entrate/Riscossione scopro che vi sono altre cartelle relative ad annate precedenti sempre attinenti al Diritto Annuale della Camera di Commercio ed anche una cartella del’INPS che però parrebbe essere andata in prescrizione. Contatto quindi la mia vecchia commercialista per capire se possa darmi una mano a districarmi da questa situazione ed evitarmi un notevole esborso di denaro. La sua risposta è stata che, dopo aver preso contatto con la CCIAA, ha appreso che non vi è più alcuna possibilità di retrodatare la mia cancellazione dal registro imprese poiché la CCIAA avrebbe nel frattempo già provveduto a farlo d’ufficio successivamente al 2012. Quindi non mi resterebbe che pagare ma, chiedo io, deontologicamente non vi sarebbe alcuna responsabilità da parte della mia vecchia commercialista?

  6. Buonasera, sono stata iscritta alla camera di commercio per errore dal mio primo commercialista. Ho il regime forfetario e la gestione separata e l’iscrizione della camera di commercio non doveva essere proprio fatta. Il secondo commercialista mi ha suggerito la cancellazione dalla camera di commercio per evitare la spesa inutile. Il 31/12/2019 è stata fatta la cancellazione dalla Camera di commercio e ora a distanza di 5 mesi si scopre che anche la p.iva è chiusa. Chi ha sbagliato? L’operatore che ha gestito la pratica della cancellazione della camera di commercio o è la mia commercialista? Cosa dovrei fare visto che in questi 5 mesi di p.iva inattiva ho lavorato e sono state emesse anche le fattura? E’ possibile la cancellazione dalla Camera di Commercio senza la chiusura della p.iva? Vi ringrazio anticipatamente.

  7. Buongiorno, se volessi chiudere la p.iva (regime forfettario) retroattivamente al 31/12/2019 ma non entro il 30esimo giorno di gennaio bensì più avanti per esempio ad aprile (non fatturando nulla fino ad allora) è possibile?

    • Salve Roberto, la chiusura retroattiva è possibile se effettivamente non ha lavorato. Cordialità

  8. buona giornata
    ho presentato modello di chiusura iva alla agenzia delle entrate molti anni fa. ho presentato cancellazione registro delle imprese ma mi risulta ancora la partita iva sul sito agenzia entrate. Faccio presente che ho le ricevute della presentazione della cancellazione

    • Gentile Piero,
      capita spesso che a seguito della presentazione di una pratica in Camera di Commercio l’ente richiede la correzione. Se non si provvede a correggere tempestivamente la pratica l’Ufficio la archivia e la ditta risulta ancora iscritta. Quasi sicuramente la procedura dovrà essere effettuata ex nova. Per un preventivo ci scriva a info@ilcommercialistaonline.it
      Cordialità

  9. Buonasera . Se chiudo la partita iva di una ditta individuale , eventuali contratti di esclusiva con distributori, contratti con clienti , cessano alla chiusura o sono comunque vincolato anche dopo ( fino alla data originaria di tali contratti) ? Grazie anticipatamente

    • Gentile Nico,
      i contratti vanno disdetti e occorre verificare a tale proposito cosa è previsto.
      La chiusura della partita IVA non comporta la disdetta automatica tranne se prevista nel contratto.
      Cordialità


Inserisci un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?

Fattura Elettronica per Desktop:

Fattura elettronica

Fattura Elettronica per Smartphone:

app per Android

app per iOS

Unisciti ad oltre 25.000 iscritti

Iscriviti alla Newsletter de “Il Commercialista Online” per ricevere utili aggiornamenti gratuiti su fisco, lavoro e contabilità.

icona ilcommercialistaonline.it

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva

Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI