Certificazione unica

certificazione-unica
 
(Last Updated On: 1 Marzo 2019)

A partire dal 2015 per il periodo d’imposta 2014, i sostituti d’imposta dovranno trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate, entro il 7 marzo, le certificazioni relative ai redditi di lavoro dipendente, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi, già rilasciate entro il 28 febbraio.

Soggetti obbligati

Sono tenuti all’invio del flusso telematico coloro che nel 2014 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte nonché coloro che nel 2014 hanno corrisposto contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’INPS e all’INPS Gestione Dipendenti Pubblici e/o premi assicurativi dovuti all’Inail.

Scadenza

Il termine ultimo per effettuare l’invio telematico, all’Agenzia delle Entrate, dei dati relativi alle certificazioni uniche è fissato al 9 marzo 2015 (il 7 marzo è sabato e l’8 marzo è domenica).
Sarà possibile inviare dopo il 9 marzo, senza sanzioni, le certificazioni uniche contenenti solo redditi che non possono essere dichiarati nel modello 730. Inoltre sarà possibile non compilare la sezione relativa ai dati INAIL e non inviare le certificazioni contenenti esclusivamente redditi esenti. È quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate con il comunicato stampa del 12 febbraio scorso, in risposta alle numerose richieste provenienti dal mondo professionale.

Sanzioni

Per ogni certificazione omessa, inviata tardivamente o con dati errati, è prevista l’applicazione di una sanzione di Euro 100, senza possibilità, in caso di violazioni plurime, di applicare il “cumulo giuridico” (ex art. 12 del DLgs. 472/1997) o di avvalersi del ravvedimento operoso.

Per ulteriori informazioni di natura fiscale, contabile e del lavoro, puoi contattarci compilando il form della pagina contatti.

Facebook Comments

Post consigliati

Nessun commento, aggiungine uno!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *