fbpx

Bonus pubblicità 2019: agevolazioni

Bonus pubblicità 2019
(Last Updated On: 10 Settembre 2019)

Dal 2019 il bonus pubblicità è diventato strutturale e pertanto è possibile usufruirne per le spese sostenute nel 2018 e negli anni successivi

Una breve guida su cos’è il bonus pubblicità 2019 (che sarà possibile prenotare nel mese di ottobre), i requisiti richiesti per imprese e professionisti e come fare domanda.

Cos’è il bonus pubblicità 2019?

Il bonus pubblicità è il credito d’imposta spettante per gli investimenti pubblicitari effettuati su radio, TV, stampa periodica cartacea o online. Il credito di imposta è pari al 75% della spesa incrementale sostenuta.

Introdotto nel 2018, rifinanziato e reso strutturale nel 2019. Inizialmente l’agevolazione riconosciuta alle PMI e start up innovative era pari al 90% della spesa. Nel 2019 è stata eliminata tale differenziazione e l’importo del credito d’imposta pubblicità riconosciuto sull’investimento incrementale è pari al 75% per tutti i richiedenti.

Requisiti bonus pubblicità 2019

Possono accedere al bonus pubblicità le ditte individuali, i liberi professionisti, le società e gli enti non commerciali. Ovvero tutti soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo, nonché gli enti non commerciali. I soggetti elencati possono richiedere il bonus pubblicità 2019 a condizione che effettuino investimenti in campagne pubblicitarie in misura superiore rispetto a quanto speso nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.

Per ottenere il bonus pubblicità è necessario che l’investimento in pubblicità sia superiore almeno dell’1% rispetto a quello dell’anno precedente per la pubblicità sugli stessi canali informativi. Per verificare l’incremento dell’investimento si prenderà come riferimento l’importo totale degli investimenti effettuati l’anno prima.

ATTENZIONE: come chiarito in una delle FAQ del Dipartimento Informazione ed Editoria, non possono accedere al credito d’imposta i titolari di partita IVA che nell’anno precedente abbiano spese pubblicitarie pari a zero. Allo stesso modo, sono esclusi anche coloro i quali hanno iniziato l’attività nel corso dell’anno per il quale si richiede il credito di imposta pubblicità.

Bonus pubblicità: gli investimenti

Gli investimenti incrementali ammessi al bonus pubblicità 2019 si riferiscono alle seguenti voci:

  • acquisto di spazi pubblicitari
  • acquisto di inserzioni commerciali
  • spese effettuate esclusivamente su giornali quotidiani e periodici
    • pubblicati in edizione cartacea
    • editi in formato digitale
    • editi nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali

ATTENZIONE: per edizione in formato digitale si intende “La testata arricchita da elementi multimediali e supportata da funzionalità tecnologiche che ne consentono una lettura dinamica, fruibile mediante portali e applicazioni indipendenti o comuni a più editori attraverso sito internet collegato alla testata e dotato di un sistema che consenta l’inserimento di commenti da parte del pubblico nonché di funzionalità per l’accessibilità alle informazioni sul sito da parte delle persone con disabilità“.

ATTENZIONE: nel caso di investimenti pubblicitari articolati su due diversi mezzi di informazione, l’incremento relativo all’investimento pubblicitario per il quale si chiede il credito d’imposta è calcolato distintamente in relazione ai singoli mezzi informativi, previa verifica della condizione che l’investimento nel suo complesso superi quello dell’anno precedente di un importo pari ad almeno l’1%.

Come chiarito nelle FAQ pubblicate sul sito del Dipartimento Informazione ed Editoria il 26 settembre 2018, non sono ammesse al credito d’imposta le spese sostenute per*:

  • grafica pubblicitaria su cartelloni fisici
  • pubblicità su schermi di sale cinematografiche
  • volantini cartacei periodici
  • pubblicità su cartellonistica, vetture, apparecchiature o mediante affissioni e display
  • banner pubblicitari su portali online e simili
  • pubblicità tramite social o piattaforme online

*L’elenco è a titolo puramente esemplificativo e non esaustivo.

Calcolo bonus pubblicità 2019

Il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria ha fornito alcuni esempi di calcolo dell’incremento dell’investimento pubblicitario ai fini del c.d. “bonus pubblicità” nelle risposte alle FAQ.

ESEMPIO: CALCOLO VALORE INCREMENTALE BONUS PUBBLICITÀ

Impresa che ha sostenuto nel 2017 solo spese su emittenti radio e nel 2018 spese sia su radio sia su stampa.

Per calcolare il valore incrementale dell’1% propedeutico all’ammissibilità occorre fare riferimento al “complesso degli investimenti”. E quindi, agli investimenti incrementali effettuati su entrambi i canali di informazione rispetto all’anno precedente a condizione che su entrambi la spesa per gli investimenti pubblicitari effettuata non sia pari a zero.

Canale spesa20172018
Radio – tv€ 100€ 150
Stampa0€ 40

L’impresa potrà accedere al bonus unicamente per le spese incrementali pubblicitarie effettuate sulle emittenti radio televisive, e il valore incrementale su cui calcolare il credito di imposta è pari a 50 euro.

Come richiedere il bonus pubblicità

Per usufruire del credito d’imposta, i soggetti interessati devono presentare:

  • la “Comunicazione per accedere al credito d’imposta” contenente i dati relativi agli investimenti effettuati o da effettuare nell’anno agevolato
  • una “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati” per dichiarare che gli investimenti indicati nella comunicazione per l’accesso al credito d’imposta, presentata in precedenza, sono stati effettivamente realizzati nell’anno agevolato e che gli stessi soddisfano i requisiti di cui all’articolo 3 del D.P.C.M. n. 90 del 2018.

Il credito d’imposta ottenuto è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante il modello F24.

Con la risoluzione 41/E/2019 è stato istituito il codice tributo “6900” da utilizzare in compensazione nel modello F24 .

Bonus pubblicità 2019: la scadenza

Per usufruire del credito d’imposta riconosciuto per gli investimenti pubblicitari incrementali è necessario inviare apposita comunicazione telematica all’Agenzia delle Entrate in modalità telematica dall’1 al 31 ottobre. A partire dal 2020 tale termine sarà fissato dall’1 al 31 marzo di ciascun anno, salvo ulteriori modifiche.


OFFERTA: acquistando la consulenza via Skype della durata di 30 minuti le pratiche di start up sono GRATIS!

Clicca sul bottone sottostante per avere maggiori info sulla nostra consulenza skype!
Facebook Comments
[tags]
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela

Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela

Lascia un commento

2 Comments

  1. Salve, quindi chi investe in pubblicità su Facebook, Instagram o Google Adwords non può usufruire del bonus?


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

fattura elettronica

Scarica l’app

app per Android

app per iOS

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?
Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI