ATTENTI ai Controlli in Arrivo: Risparmiometro

Print Friendly, PDF & Email

Ecco il Risparmiometro

Ecco i nuovi controlli dall’Agenzia delle Entrate, in arrivo il temibilissimo Risparmiometro.

Oggi gli strumenti a disposizione dell’Agenzia delle Entrate per contrastare l’evasione fiscale sono sempre più numerosi, dal Redditometro allo Spesometro. Inoltre, con l’accesso alla banca dati dell’Anagrafe Tributaria è possibile avere a disposizione le informazioni relative a conti correnti, INPS ed altre Amministrazioni Pubbliche, per ciascun contribuente. Proprio in quest’ottica è stato predisposto un nuovo strumento, il Risparmiometro.

Cos’è il Risparmiometro?

Il Risparmiometro è lo strumento in via di sperimentazione che l’Agenzia delle Entrate sta mettendo a punto per controllare anche i risparmi dei contribuenti; tale strumento si basa su un algoritmo che verifica la congruenza tra i risparmi accumulati e le dichiarazioni dei redditi dei contribuenti. Attualmente è partito in via sperimentale e prevede una fase iniziale nel 2018 con controlli sulle persone fisiche per i periodi di imposta dal 2013-2014 e successivamente verrà estesa anche alle persone giuridiche.

Quali i soggetti sottoposti al Risparmiometro?

I controlli effettuati dal Fisco attraverso il Risparmiometro andranno a colpire tutti i contribuenti, ossia i cittadini residenti in Italia che annualmente presentano la dichiarazione dei redditi, e riguarderanno i seguenti strumenti finanziari:

  • movimenti e giacenza del conto corrente bancario e postale;
  • conti deposito ed obbligazioni;
  • buoni fruttiferi;
  • carte di credito;
  • prodotti finanziari emessi da assicurazioni e da società di compravendita di oro e metalli preziosi.

Come funziona il Risparmiometro ?

Il Risparmiomentro si basa su un algoritmo che andrà ad incrociare i dati a disposizione dell’Agenzia delle Entrate e dichiarati annualmente dal contribuente con i risparmi detenuti presso banche, poste e altri istituti finanziari. In pratica il controllo è contrario a quello del Redditometro, che confronta il tenore di vita sostenuto dal contribuente in funzione delle spese effettuate con la sua capacità di reddito (per cui se il contribuente dichiara un reddito pari a zero e successivamente acquista un’auto viene rilevata un’incongruenza).

Con il Risparmiometro quindi saranno a rischio controlli quei contribuenti che risparmiano troppo: se sul conto viene accreditato mensilmente lo stipendio ma non si effettuano prelievi per sostenere le spese quotidiane, l’Agenzia si chiederà se esiste un’altra fonte di reddito e pertanto presumerà che il contribuente stia evadendo le tasse svolgendo un lavoro in nero da cui riceve un compenso in contante.

Quali le differenze con il Redditometro?

La differenza consiste principalmente nel dato soggetto a controllo, infatti il Redditometro controlla le spese effettuate dal contribuente con mezzi di pagamento tracciabili ed il Risparmiometro controlla i risparmi. E quindi, con il Redditomentro l’Agenzia delle Entrate valuta la congruità del tenore di vita del cittadino sulla base delle spese effettuate rispetto ai redditi dichiarati e per sfuggire al Redditometro bisognerebbe acquistare solo con lo scontrino che è completamente anonimo.; mentre con il Risparmiometro, anziché verificare le uscite dal conto conto corrente, verificherà il denaro“in entrata” e che non viene speso.

Quali le conseguenze del Risparmiometro?

Quando vengono riscontrate incongruenze, l’Agenzia delle Entrate avvia il contraddittorio invitando il contribuente a fornire le prove della propria capacità di accantonare i risparmi, in quanto è a suo carico l’onere della prova (ad esempio dimostrando che si tratta di risparmi accumulati per un’eredità ricevuta, una donazione o una vincita etc.).

Tuttavia, se la presunzione di illecito rimane solida e non viene dimostrato il contrario il rischio in cui si incorre è quello dell’accertamento fiscale che può comportare l’applicazione da parte dell’Agenzia della cd. tassa sui risparmi, ossia una tassa che il contribuente è tenuto a versare per quella parte di risparmi che secondo l’Agenzia delle Entrate è in eccesso rispetto al reddito.

 

Hai bisogno di aiuto per regolarizzare la tua posizione con il fisco?

Richiedi un nostro preventivo gratuito oppure acquista la nostra consulenza skype direttamente con un esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi e risolvere i tuoi problemi con il fisco:

 

Facebook Comments
1 commento
  1. simone
    simone dice:

    Ma questo “risparmiometro” esiste anche negli altri paesi europei? esiste anche negli USA?
    non credo proprio, e anche se così fosse, negli altri paesi non cè una pressione fiscale asfissiante come in Italia.
    Siamo proprio in Italia, ovvero in un regime: una classe politica composta da corrotti incapaci, gente senza dignità, nè valori nè identità storico-culturale, alieni che con la scusa della lotta all’evasione vorrebbero spremere gli italiani controllando e limitandone i diritti . Adesso se qualcuno vorrà fare qualche sacrificio per risparmiare qualcosa,magari per i figli o semplicemente per un futuro migliore e più sereno, rischia di sacrificarsi per poi farsi derubare dalla cricca dei nostri politici ladri e corrotti, che godono di privilegi e sostanziosi vitalizi a “fondo perduto” senza nemmeno sapere cosa significa lavorare.
    Ma dopo queste elezioni, con il relativo “calcio nel culo” che vi abbiamo dato, abbiamo una piccola e flebile speranza di mandarvi tutti a lavorare e cambiare un po le cose, fare un po di giustizia. Siete arrivati al capolinea, i bei tempi beati per voi stanno per finire, e se così non fosse, ci prepareremo tutti ad emigrare poco lontano dall’italia, sempre in europa, dove nonostante la breve distanza, sembra proprio di entrare in un altro mondo, civile e vivibile per fortuna.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*