fbpx

Omessa dichiarazione dei redditi: le sanzioni

Omessa dichiarazione dei redditi: le sanzioni
(Last Updated On: 12 Novembre 2019)

Hai dimenticato di presentare la dichiarazione dei redditi? Hai ricevuto un avviso da parte dell’Agenzia delle Entrate per l’omessa dichiarazione dei redditi? Niente paura, vediamo come risolvere.

In questo articolo vediamo quali sono le sanzioni per l’omessa dichiarazione, quando la dichiarazione si considera omessa e come sanare la propria posizione. Partiamo subito capendo cosa si intende per omessa dichiarazione dei redditi.

Cos’è l’omessa dichiarazione dei redditi?

I contribuenti, non esonerati dalla dichiarazione dei redditi, devono annualmente presentare il Modello Redditi ex Unico o Modello 730, entro la scadenza. Superato tale termine, la legge concede un ulteriore periodo di tempo per la presentazione della dichiarazione. Infatti, è regolare anche la dichiarazione dei redditi presentata in ritardo, ma entro 90 giorni dalla scadenza. In quest’ultimo caso, il ritardo viene sanato attraverso il versamento di una piccola sanzione. Si definisce omessa, la dichiarazione dei redditi che:

  • non viene presentata
  • è inviata trascorsi oltre 90 giorni dalla scadenza

Scadenza della dichiarazione dei redditi

La dichiarazione dei redditi si considera omessa quando sono trascorsi 90 giorni dalla scadenza. Per verificare la suddetta condizione, è necessario verificare i termini di presentazione della trasmissione telematica.

La scadenza per presentare il 730 è cambiata con l’introduzione del modello 730 precompilato slittando al 7 luglio.

Anche la scadenza del Modello Redditi o Modello UNICO è cambiata per effetto del DL Crescita. In linea generale, la trasmissione del modello UNICO deve avvenire entro il 30 novembre (per il 2019 tale termine è spostato al 2 dicembre).

ATTENZIONE! Le scadenze possono subire variazioni o proroghe. Si consiglia, pertanto, di consultare la sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate dedicata allo scadenzario.

Ma quali sono le conseguenze per l’omessa dichiarazione dei redditi?

Cosa succede in caso di mancata presentazione del modello UNICO?

Trascorsi 90 giorni dalla scadenza per l’invio telematico della dichiarazione, questa diventa omessa. La natura delle conseguenze dipende da vari fattori:

  • totale delle imposte dovute e non pagate a causa dell’omissione
  • comportamento del contribuente. Una semplice dimenticanza nel presentare un modello 730, infatti, è una situazione molto diversa da un contribuente coinvolto in un giro di fatture false (reato quest’ultimo punibile anche con la reclusione).

Vediamo cosa comporta la mancata presentazione della dichiarazione in termini di sanzioni. E più precisamente, l’irrogazione di una sanzione:

  • amministrativa, consistente in una multa di importo variabile in base all’imposta dovuta e in base al tempo trascorso dalla scadenza
  • penale che scatta in determinati scenari

In ogni caso, il contribuente per sanare la dimenticanza è tenuto al pagamento dei seguenti importi a titolo di:

  • imposta calcolata nella dichiarazione non inviata o calcolata direttamente dal fisco
  • interessi legali sul mancato pagamento dell’imposta dovuta
  • sanzione dal 120% al 240% dell’imposta omessa. Quando dalla dichiarazione non risulta alcun debito di imposta oppure risulta un credito di imposta, la sanzione va comunque versata da un minimo di 258 euro fino a un massimo di 1.032 euro.

Dichiarazione dei redditi omessa: quando è reato penale?

Fino al 31 dicembre 2015, la mancata presentazione della dichiarazione comportava oltre la sanzione amministrativa anche quella pensale al superamento della soglia di 30.000 euro per ciascuna imposta evasa. La sanzione penale prevedeva da 1 a 3 anni di reclusione. Tale soglia di imposta evasa è stata modificata. Dal 1° gennaio 2016 è stata introdotta una pena con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 4 anni, e la soglia di punibilità, con riferimento alle singole imposte, è passata da 30.000 euro a 50.000 euro.

Al superamento della menzionata soglia di 50.000 euro scatta il reato penale.

Come sanare l’omessa presentazione della dichiarazione

La mancata presentazione dichiarazione dei redditi può essere sanata ricorrendo all’istituto del “ravvedimento operoso”. Trattasi di “autodenuncia” e invio della dichiarazione prima che il fisco contesti la mancata presentazione. In questo caso, il contribuente ottiene una notevole riduzione della sanzione che varia a seconda del momento in cui viene inviata la dichiarazione omessa. Più precisamente, se la presentazione avviene:

  • entro 90 giorni dalla scadenza del termine per l’invio telematico, la dichiarazione si considera solo “tardiva”. In questo caso, oltre all’imposta dovuta occorre versare gli interessi legali e la sanzione ridotta a 1/10 del minimo
  • oltre 90 giorni è comunque possibile ricorrere al ravvedimento operoso e presentare lo stesso la dichiarazione. In questo caso è necessario versare, oltre all’imposta dovuta, gli interessi legali e una sanzione ridotta pari a 1/8 del minimo se la presentazione avviene entro un anno dalla scadenza. Se la presentazione avviene oltre l’anno, ma entro i due anni dalla scadenza, la sanzione passa a 1/7 del minimo. Oltre i due anni la sanzione sarà pari ad 1/6 del minimo.

Prescrizione accertamento omessa presentazione dichiarazione

L’accertamento per omessa dichiarazione redditi si prescrive, e quindi decade la possibilità per il fisco di sanzionare la violazione dal 5° anno successivo. Per le imposte sui redditi e per l’IVA, l’avviso deve essere notificato entro il 31.12 del quarto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione o omessa.

ATTENZIONE! I suddetti termini raddoppiano quando sussistono elementi penalmente rilevanti, nell’anno in cui è stata commessa la violazione.

Ad esempio la dichiarazione dei redditi 2017 (anno di imposta 2016) si prescrive il 31/12/2022. Invece la dichiarazione dei redditi 2018 (anno di imposta 2017) si prescrive il 31/12/2023.


Dubbi, perplessità e domande invadono la tua testa?

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Ti basta fissare una Skype call per comunicare direttamente con i nostri Professionisti e ricevere l’assistenza necessaria.

Clicca il bottone qui sotto!
Facebook Comments
[tags]
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela

Vernieri Cotugno Dott.ssa Michela

Lascia un commento

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

fattura elettronica

Scarica l’app

app per Android

app per iOS

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?
Ebook aprire la partita IVA

Aprire Partita Iva?

Scarica Gratis il nostro Ebook per evitare ERRORI e COSTOSE SANZIONI