Modello 770 2018 e CU autonomi: le scadenze

(Last Updated On: 15 Novembre 2018)

modello 770 2018

Ottobre mese di scadenze inedite: al 31 la presentazione del Modello 770 2018 autonomi. Vediamo anche come funziona la Certificazione Unica.

In prossimità della scadenza per l’invio del Modello 770 o Dichiarazione del sostituto d’imposta, facciamo un po’ di chiarezza su soggetti obbligati, dati da comunicare e scadenza.

 

Modello 770 2018: cos’è?

Coloro che nel corso dell’anno precedente hanno avuto dei lavoratori dipendenti o dei collaboratori, oppure hanno pagato compensi di lavoro autonomo (ad esempio la fattura di un commercialista con l’applicazione della ritenuta d’acconto), oltre a dover compilare e inviare all’Agenzia delle Entrate ed agli interessati la certificazione unica dei compensi corrisposti e delle ritenute effettuate, devono anche inviare il modello 770 2018, o dichiarazione dei sostituti d’imposta.

Da quest’anno, il modello 770 è unificato in quanto non si suddivide più in 770 semplificato e 770 ordinario. Infatti, fino all’anno scorso:

  • il modello 770 semplificato utilizzato per comunicare i compensi o le retribuzioni corrisposte nell’anno precedente quali ad esempio: redditi da lavoro dipendente e assimilati, redditi da lavoro autonomo, provvigioni, ritenute operate dal condominio su corrispettivi per opere e servizi, compensi e redditi corrisposti dallo Stato;
  • il modello 770 ordinario utilizzato per comunicare i dati relativi alle ritenute operate su dividendi, redditi da partecipazione, redditi da capitale o altre operazioni di natura finanziaria.

Modello 770 2018: quali i dati da comunicare?

Il modello 770 2018 (anno d’imposta 2017) deve essere utilizzato dai sostituti d’imposta e dalle Amministrazioni dello Stato per comunicare

  • i dati relativi alle ritenute operate su dividendi;
  • i proventi da partecipazione;
  • i redditi da capitale od operazioni di natura finanziaria;
  • i versamenti effettuati;
  • i dati delle compensazioni operate;
  • i crediti d’imposta utilizzati;
  • i dati relativi alle somme liquidate a seguito di procedure di pignoramento presso terzi.

Modello 770 2018: quali i soggetti obbligati alla presentazione?

Sono tenuti a presentare la dichiarazione Mod. 770/2018 i soggetti che nel 2017 hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte su redditi da capitale, compensi per avviamento commerciale, contributi ad enti pubblici e privati, riscatti da contratti di assicurazione sulla vita, premi, vincite ed altri proventi finanziari, ivi compresi quelli derivanti da partecipazioni a organismi di investimento collettivo in valori mobiliari di diritto estero, utili e altri proventi equiparati derivanti da partecipazioni in società di capitali, titoli atipici, e redditi diversi, nonché coloro che hanno corrisposto somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte. Tra tali soggetti ci sono in particolare:

  • le società di capitali e di persone;
  • gli enti commerciali e non commerciali e i TRUST;
  • i condomìni;
  • le persone fisiche che esercitano imprese commerciali o imprese agricole;
  • le persone fisiche che esercitano arti e professioni.

Cos’è la Certificazione Unica?

Dal 2016, il modello 770 è diventato più snello in quanto le somme corrisposte ai lavoratori dipendenti e assimilati, collaboratori e lavoratori autonomi, assieme alle ritenute effettuate a ciascuno, devono essere comunicate all’Agenzia delle Entrate tramite modello CU.

La Certificazione Unica, anche detta CU, sostituisce il vecchio CUD ed ha la funzione di certificare i redditi corrisposti da un sostituto d’imposta indicando i redditi corrisposti nell’anno e le ritenute operate a lavoratori, pensionati e disoccupati, lavoratori autonomi, etc. Tale certificazione è indispensabile per compilare la dichiarazione dei redditi.

Come richiedere la CU 2018?

Il datore di lavoro o committente deve consegnare entro il 3 aprile la CU ai lavoratori dipendenti, autonomi ed i Co.Co.Co. (parasubordinati). Per i rapporti di lavoro cessati occorre consegnare la CU entro 12 giorni dalla data del termine del contratto.

I pensionati invece devono utilizzare i servizi web dell’INPS  o in alternativa la CU può essere richiesta:

  • presso gli sportelli di tutte le sedi locali dell’INPS;
  • presso le postazioni informatiche self service;
  • tramite PEC, scrivendo a richiestaCertificazioneUnica@postacert.inps.gov.it allegando una copia del documento di identità del richiedente;
  • tramite PatronatoCAF o un professionista abilitato;
  • presso i Comuni e le altre pubbliche amministrazioni che hanno sottoscritto un protocollo con l’INPS per attivare un punto cliente di servizio;
  • tramite Sportello Mobile per utenti ultra ottantacinquenni: tali utenti ricevono una comunicazione apposita e, contattando il numero telefonico contenuto nella comunicazione, possono richiedere l’invio della CU al proprio domicilio;
  • i pensionati residenti all’estero possono richiedere la certificazione CU, fornendo i propri dati anagrafici e il numero di codice fiscale ai seguenti numeri telefonici dedicati:
    • 0039-06.59058000;
    • 0039-06.59053132.
  • infine, telefonando al contact center multicanale, al numero 803.164 (o al numero 06 164164 per chi chiama da cellulare), gli utenti con particolari difficoltà possono richiedere l’invio della CU 2018 al proprio domicilio.

Qual è il termine per l’invio del modello 770?

La dichiarazione Mod. 770/2018 deve essere presentata esclusivamente per via telematica, direttamente o tramite un intermediario, entro il 31 ottobre 2018.

In precedenza la scadenza “naturale” del modello 770 era fissata al 31 luglio di ogni anno ma con la Legge di Bilancio 2018 la scadenza è stata posticipata per evitare la sovrapposizione degli adempimenti fiscali nello stesso periodo.

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, www.agenziaentrate.gov.it, è disponibile gratuitamente, nella sezione “software”, il programma di compilazione della dichiarazione Mod. 770/2018.

Hai bisogno di aiuto per aprire Partita IVA?

Se hai bisogno di aiuto per aprire partita IVA evitando errori e costose sanzioni acquista la nostra consulenza Skype direttamente con un esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi.

 

OFFERTA: acquistando la consulenza via Skype della durata di 30 minuti le pratiche di start up sono GRATIS

 

 

Se invece hai bisogno di aiuto per emettere la tua prima fattura o cerchi un software semplice ed intuitivo per emettere le tue fatture e per averle sempre e ovunque disponibili, scarica la nostra APP.

PROVA GRATIS per 30 giorni e richiedi il nostro supporto GRATUITO!
Per maggiori info visita la nostra pagina

 

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.