In caso di omissione di dati o errori riportati nel Mod. 730, è possibile presentare in Modello 730 integrativo. L’inoltro del Mod. 730 ordinario sarebbe dovuto avvenire entro il 30 settembre 2020. La scadenza per l’invio del Modello Integrativo è fissata per il 26 ottobre 2020.

Quando si deve presentare il Modello 730 integrativo?

Se il contribuente dovesse riscontrare delle difformità o delle omissioni che implicano un minor debito o un maggior credito, è tenuto a presentare il Mod. 730 integrativo entro il 26 ottobre. Oltre la suddetta data, in caso di segnalazione e correzione di eventuali errori, sarà necessario procedere con il Modello Redditi PF.

Il 730 integrativo permette, per esempio, di rettificare la Dichiarazione dei Redditi integrando i dati relativi a nuove spese detraibili o deducibili non presentate nella Dichiarazione ordinaria.

ATTENZIONE: il modello integrativo deve essere inoltrato solo se le variazioni segnalate comportano un maggior credito o un minor debito per il contribuente.

Il modello 730 integrativo a favore del contribuente

Se l’integrazione implica uno scenario a favore del contribuente, quindi con un maggior credito o un minore debito rispetto alla Dichiarazione originale oppure se la correzione dell’errore non influisce sulla determinazione dell’imposta, il Modello 730 integrativo dovrà essere presentato entro il 26 ottobre 2020.

NOTA BENE: il mod. integrativo non può essere presentato per mezzo del proprio sostituto d’imposta.

La dichiarazione integrativa a sfavore del contribuente

Nel caso in cui l’integrazione fosse sfavorevole al contribuente, implicando un maggior debito o un minor credito, sarà bene compilare e presentare il Modello PF 2020.

NOTA BENE: in caso di addebito mancato, il contribuente è tenuto a versare l’importo a debito maggiorato delle sanzioni ridotte e della maturazione del interessi maturati giornalmente. Il tutto entro e non oltre il 30 novembre 2020. Entro tale data dovranno essere saldati anche eventuali interessi legali e relative sanzioni.

Le altre scadenze di ottobre da ricordare

Come detto qualche riga più su, entro il 26 ottobre è possibile inviare il modello 730 integrativo, ma non solo. La stessa data di scadenza è fissata anche per la presentazione degli elenchi INTRASTAT relativi alla cessione dei beni e delle prestazioni di servizi verso soggetti UE avvenute nel corso del mese precedente. L’invio di suddetta documentazione può avvenire per via telematica con il Servizio EDI (Electronic Data Interchange) direttamente all’Agenzia delle Dogane oppure con invio telematico all’Agenzia delle Entrate.

Ricordiamo, inoltre, che oggi, 20 ottobre, è il termine ultimo per il pagamento dell’imposta di bollo legata alle fatture elettroniche inviate nel terzo trimestre.




Scarica la nostra APP

Prova il nostro software

Fattura elettronica con il Commercialista Online

Scarica i nostri eBook gratuiti

Costi aprire la partita iva 2020
Partita iva agevolata 2020 - Regime Forfettario 2020

Commenti

Altri approfondimenti