INPS: Come funziona l’Estratto Previdenziale?

Print Friendly, PDF & Email
(Last Updated On: 6 dicembre 2017)

Cassetto Previdenziale INPS

INPS: tutti gli strumenti per sapere quanti contributi abbiamo versato.

Non tutti sanno che è possibile verificare anche autonomamente la propria posizione contributiva INPS. Utilizzando semplicemente un servizio gratuito, messo a disposizione dall’istituto, ognuno può verificare la propria posizione contributiva, con il dettaglio dei contributi versati dal datore di lavoro, verificare i requisiti pensionistici o eventualmente i requisiti per altre indennità quali ad esempio la NASPI.

Cosa sono i contributi?

Mensilmente, in busta paga, una parte della retribuzione viene trattenuta dal datore di lavoro e versata, unitamente alla parte contributiva a carico dell’azienda, all’ente previdenziale (solitamente INPS): questa somma corrisponde ai contributi previdenziali che ci permettono di accumulare quella che sarà la nostra pensione o maturare indennità quali ad esempio quella di disoccupazione (NASPI).
Oltre ai contributi previdenziali, che come abbiamo detto si accumulano per essere poi erogati come pensione, esistono i contributi assistenziali che vengono versati all’INPS o all’INAIL in qualità di copertura assicurativa per malattia o infortuni sul lavoro.

È possibile avere un riepilogo della propria posizione Contributiva?

I contributi versati sulla singola posizione sono riepilogati nell’estratto conto previdenziale / contributivo, un documento emesso dall’INPS in cui sono indicati sia i contributi versati dal datore di lavoro sia quelli versati direttamente come lavoratore autonomo.

L’Estratto conto contributivo è  il documento che elenca tutti i contributi effettuati all’INPS in favore di un soggetto, sia figurativi che da riscatto, suddivisi in base alla gestione alla quale il lavoratore risulta iscritto e, nel caso in cui un soggetto abbia periodi di lavoro presso datori di lavoro privati e/o pubblici e periodi di lavoro autonomo, all’interno dell’Estratto conto potrà visualizzare anche le diverse sezioni contraddistinte per colore.

A cosa serve l’Estratto Conto Previdenziale?

L’estratto contributivo è un documento molto utile in quanto permette di verificare la regolarità dei contributi versati autonomamente o dai propri datori di lavoro; inoltre, consultando il proprio Estratto Conto Contributivo, è possibile scoprire tempestivamente eventuali discordanze o anomalie ed eventualmente una rielaborazione dei dati con la correzione delle inesattezze riscontrate.

Non solo, tenuto poi conto dell’introduzione del sistema di calcolo contributivo, verificare l’entità dei contributi versati permette di farsi un’idea più concreta della propria pensione futura ed, eventualmente, ipotizzare di correre ai ripari, ad esempio costruendosi una “pensione di scorta” o magari pianificare ad esempio il riscatto della laurea o del servizio militare.

Quali dati contiene un Estratto Contributivo?

L’Estratto Conto Previdenziale riporta i dati anagrafici del lavoratore e, riassunti in una tabella, i versamenti previdenziali suddivisi in:

  • periodo di riferimento;
  • tipologia di contributi (da lavoro dipendente, artigiano, commerciate, servizio militare ecc.);
  • contributi utili espressi in giorni, settimane o mesi, sia per il calcolo della pensione che per il raggiungimento del diritto;
  • retribuzione o reddito;
  • riferimenti del datore di lavoro;
  • eventuali note riportate alla fine dell’Estratto.

Come ottenere un Estratto Conto Previdenziale?

È possibile consultare il proprio estratto conto contributivo nei seguenti modi:

  • rivolgendosi ad un sindacato che inoltrerà richiesta all’INPS;
  • utilizzando il call center dell’INPS disponibile ai numeri 803 164 oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • recandosi fisicamente presso la sede INPS più vicina;
  • direttamente online attraverso il servizio dedicato.

Come fare per richiedere online un Estratto INPS?

Il Estratto Conto Previdenziale Online è il servizio online gratuito messo a disposizione dall’INPS e rivolto a tutti i lavoratori, sia privati che pubblici, e ai pensionati che consente di verificare in tempi rapidi la propria posizione retributiva dal 2005 ad oggi oltre a una serie di altre informazioni.

L’accesso al cosiddetto Cassetto Previdenziale deve essere effettuato direttamente dall’area riservata sul sito dell’INPS utilizzando il PIN dispositivo o l’identità digitale (SPID): una volta effettuato l’accesso sarà sufficiente accedere al Fascicolo previdenziale del cittadino.

Come richiedere il PIN?

Per usufruire dei servizi on line dell’INPS, dovrete necessariamente possedere il vostro PIN personale, che vi verrà rilasciato proprio dall’INPS. Se non lo possedete ancora, provvedete andando sul sito dell’INPS, e dal menù Servizi on line cliccate su Richiesta PIN On Line, quindi seguite la procedura riportata sul sito. L’operazione successiva da compiere per richiedere l’Estratto Conto Contributivo INPS on line sarà quella di andare sul sito ufficiale dell’INPS.

Quali altre informazioni contiene il Cassetto Previdenziale?

All’interno del Cassetto Previdenziale è possibile avere accesso ad alcuni documenti e informazioni utili per il cittadino, tra cui le principali sono:

  • eventuali provvedimenti da parte della Gestione Dipendenti Pubblici;
  • l’esito, positivo o negativo, delle domande di pensione presentate;
  • informazioni sulle richieste presentate, sui pagamenti ricevuti, sulle pensioni e sui piani di cessione del quinto eventualmente attivi;
  • i modelli di Certificazione Unica.

È tutto chiaro fin qui?

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci compilando il form che trovi nella pagina Preventivi oppure lasciando un commento qui sotto.

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*