Equitalia: ecco cosa cambia dal 1° luglio

Print Friendly, PDF & Email

equitalia

Equitalia va in soffitta. Ma soltanto in apparenza, essendo stata sostituita in ogni sua funzione da un nuovo ente che dispone anche di accessi più immediati alle info sui contribuenti, offrendo nel contempo servizi innovativi.

Il Decreto Legge n. 193 del 2016 ha disposto la chiusura definitiva di Equitalia che dal 1° luglio 2017 è diventata effettiva. Al suo posto è stato istituito un nuovo ente, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Vediamo quali sono i principali cambiamenti e le novità introdotte.

Cos’è l’Agenzia delle Entrate-Riscossione?

L’Agenzia delle Entrate-Riscossione è il nuovo ente pubblico economico con autonomia organizzativa patrimoniale e contabile, soggetto alla vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
L’Agenzia è radicata in tutto il territorio nazionale con più sedi e a partire dal 1° luglio svolgerà anche le funzioni di riscossione precedentemente affidate a Equitalia, ad eccezione della Regione Sicilia dove la riscossione è stata affidata a un soggetto terzo.

Come cambiano i poteri dell’ente?

La Legge di Bilancio 2017 ha previsto un potenziamento delle funzioni dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, come ad esempio la possibilità di accedere alla banca dati dell’Anagrafe tributaria per acquisire tutte le informazioni disponibili sul contribuente: verificare se sono in essere rapporti di lavoro dipendente; controllare gli stipendi percepiti; conoscere la presenza di indennità come le pensioni; verificare le disponibilità sul conto corrente per poter procedere ad eventuali pignoramenti.

Cosa cambia per il contribuente?

Sono previste alcune novità con il passaggio di testimone, mentre gli sportelli, le sedi e la modulistica vedranno soltanto un cambiamento nel logo (in questo caso AER), i servizi e le attività svolte dal nuovo ente Agenzia delle Entrate-Riscossione saranno in continuità con quanto precedentemente fatto da Equitalia.

Dal punto di vista operativo varia l’indirizzo web a cui raggiungere la pagina dell’Entrate-Riscossione disponibile al link www.agenziaentrateriscossione.gov.it. Per accedere all’area riservata occorrerà utilizzare le credenziali già in possesso degli intermediari e dei contribuenti in genere. Dal sito sarà possibile visualizzare la posizione debitoria del contribuente da controllare, aderire alla definizione agevolata, chiedere o sospendere una rateizzazione e pagare cartelle e avvisi.

Altre novità anche dal lato social sono l’app Equiclick e l’attivazione del nuovo canale Twitter @AE_Riscossione che andrà a sostituire il vecchio canale di Equitalia, mentre non cambia il numero telefonico del contact center per ottenere informazioni e consulenza.

Come migliorano i servizi offerti?

Il nuovo ente punta sui servizi innovativi e sono due le principali novità che mirano alla riduzione dei tempi di attesa e a consentire di fornire al contribuente un servizio più efficiente.

In questa ottica infatti l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha previsto che il contribuente possa essere identificato già al momento della prenotazione dell’operazione mediante l’utilizzo del codice fiscale in modo da permettere all’operatore di conoscere in tempo reale la sua situazione e di fornire un servizio personalizzato.

É in arrivo inoltre la nuova app, la cui attivazione è prevista dopo l’estate, che consentirà al contribuente di “saltare la fila” per la prenotazione allo sportello dell’Agenzia grazie alla possibilità di farlo direttamente dal proprio smartphone o tablet, indicando il tipo di servizio di cui si necessita e l’ora e il giorno che si preferisce. In questo caso i vantaggi sono doppi: il contribuente potrà conoscere i tempi di attesa per il tipo di servizio scelto e una volta arrivato presso la sede degli uffici potrà evitare l’attesa effettuando il riconoscimento mediante il QR code attribuito in fase di prenotazione.

Hai bisogno di ulteriori info?

Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci compilando il form che trovi nella pagina Preventivi oppure lasciando un commento qui sotto.

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*