Skip to content
visura camerale

Cos’è la visura camerale

(Last Updated On: 28 Maggio 2020)

La visura camerale è un documento informativo contenente i dettagli relativi di tutte le imprese iscritte nel Registro delle Imprese. I principali dati contenuti nella visura camerale sono: denominazione, forma giuridica, sede legale, unità locali, codice fiscale, partita IVA, codice ATECO, tipo di attività svolta e informazioni sull’organo amministrativo ed eventuali cariche sociali.

Vediamo nel dettaglio quali sono le visure camerali esistenti, a cosa serve la visura camerale, qual è il suo valore legale e come ottenere una visura camerale gratis.

Quali sono le visure camerali?

Esistono due tipi di visure camerali, ovvero la visura:

  • ordinaria: contenente le principali informazioni su un’azienda, quali i riferimenti d’iscrizione, denominazione, sede legale, PEC, dati anagrafici, recapiti, indirizzo della sede, Codice fiscale e Partita IVA, forma giuridica, data di costituzione, oggetto e capitale sociale, attività svolta, albi ruoli e licenze, numero e tipologia dipendenti, certificati di qualità, attestazioni, cariche amministrative, di controllo e qualifiche, organi sociali, titolari e soci con relative quote, sedi secondarie e unità locali, partecipazioni in altre società, amministratori, soci e loro cariche
  • storica: contenente la storia delle modifiche effettuate dalla costituzione dell’impresa fino alla data di richiesta della visura. Riassume tutte le iscrizioni e i depositi degli atti nel Registro Imprese.

E’ possibile richiedere visure camerali contenenti specifiche informazioni selezionando, all’atto della richiesta, i singoli blocchi informativi desiderati. In particolare, le informazioni possono riguardare:

  • amministratori
  • titolari di altre cariche o qualifiche
  • sede e unità locali
  • scioglimento, procedure concorsuali e cancellazione
  • sindaci, membri organi di controllo
  • informazioni da statuto, ultimo statuto depositato
  • trasferimenti d’azienda, fusioni, scissioni, subentri
  • attività, albi ruoli e licenze
  • società o enti controllanti
  • pratiche in istruttoria
  • partecipazioni in altre società
  • soci e titolari di diritti su quote e azioni
  • informazioni patrimoniali

A cosa serve la visura camerale?

La visura camerale accerta l’effettiva iscrizione dell’impresa al registro delle imprese e, pertanto, garantisce la pubblicità legale dei relativi atti. Con la visura camerale è possibile conoscere i nominativi dei soci per le società, gli amministratori ed eventuali cariche sociali. In particolare, la visura camerale è utile per:

  • atti notarili come compravendite, cessioni o affitti d’azienda, finanziamenti ipotecari, rinegoziazione di mutui, cancellazione di ipoteche, e così via
  • verificare lo stato di attività di un’azienda (cessata, attiva, inattiva, sospesa o procedure concorsuali)
  • identificare la composizione dell’organo amministrativo (se per esempio amministratore unico o CdA) nonché i nominativi dei rappresentanti legali
  • verificare le Sedi e le Unità Locali
  • conoscere i poteri degli amministratori, le deleghe e procure e poteri di firma e di operatività dei responsabili aziendali
  • verificare l’attività svolta dall’impresa (primaria e/o secondaria) in base al codice ATECO utilizzato e il possesso di eventuali certificazioni specifiche, come ad esempio: Attestazioni SOA, Operatori del biologico, Accreditamenti ODC, Rating di legalità, Certificazioni di qualità/ambientali/energia, Salute e sicurezza sul lavoro, Sicurezza delle informazioni, Servizi informatici, Sicurezza alimentare
  • acquisire informazioni su: nuovi clienti, partner commerciali o fornitori, nuovo conduttore per un contratto di locazione commerciale e, più in generale, quando occorre valutare la storia di un’impresa con la quale si deve per qualsiasi motivo avere un rapporto commerciale o non.

Come ottenere la visura camerale gratis?

Il legale rappresentante o il titolare di un’attività imprenditoriale possono richiedere una visura camerale gratis dell’impresa.

Per farlo occorre essere in possesso di SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o di CNS (Carta Nazionale dei Servizi). Sia lo SPID sia la carta CNS sono rilasciati gratuitamente dalle Camere di Commercio e servono a certificare l’identità confrontandola con le cariche presente nel Registro Imprese.

Utilizzando lo SPID o CNS, per fare la visura camerale gratis della tua impresa è possibile accedere direttamente al cosiddetto cassetto digitale dell’imprenditore.

Per maggiori informazioni su come ottenere una visura camerale gratis consultare il nostro post di approfondimento al seguente link: Visura Camerale Gratis: Ecco Come Fare.

Qual è il valore legale della visura camerale?

La visura camerale fornisce informazioni sui dati ufficiali di qualsiasi impresa, individuale o collettiva, iscritta nel Registro delle Imprese; tuttavia, non ha un valore di certificazione e, pertanto, non è opponibile a terzi.

La visura viene richiesta quando non è necessario acquisire il Certificato camerale come ad esempio nei casi in cui sia necessario dimostrare il codice ATECO attribuito in fase di inizio attività o successivamente (ATTENZIONE: tale dato non è presente nel certificato). La visura camerale, sia ordinaria sia storica, non ha una vera e propria scadenza anche se in alcuni casi è richiesta la presentazione di una una visura con una data non antecedente i sei mesi.

Cos’è il cerficato camerale?

Il certificato camerale, a differenza della visura, ha valore legale di certificazione ed è valido per sei mesi dalla data di emissione.

Per richiedere un certificato camerale è necessario recarsi presso la CCIAA competente. Allo stesso modo è possibile acquistare il certificato camerale direttamente online aderendo al servizio Telemaco, utilizzando il profilo “Consultazione”.

Per effettuare l’acquisto online è necessario essere in possesso della carta filigranata su cui effettuare la stampa e delle contromarche olografiche da apporre sul certificato. Sia la carta filigranata sia le contromarche attribuiscono validità ai certificati rilasciati da terminale remoto, garantendone la non riproducibilità. È possibile acquistare la carta filigranata e le contromarche presso la Camera di Commercio. Le contromarche sono disponibili in tre diversi colori in base al tipo di certificato da stampare, vale a dire:

  • oro, per il Certificato di Iscrizione
  • argento, per il Certificato Storico
  • rame, per il Certificato Artigiano

Sul certificato camerale è riportato il numero e il valore delle marche da bollo che dovranno essere apposte per attestare il pagamento della relativa imposta.



Ulteriori info?

Richiedi un nostro preventivo gratuito oppure acquista la nostra consulenza skype direttamente con un professionista esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi e risolvere i tuoi problemi con i fisco.

Scopri la nostra offerta dedicata a chi apre partita IVA. Clicca sul bottone sottostante per avere maggiori info!



Commenti Facebook
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fattura Elettronica

Fattura elettronica

Scarica i nostri eBook gratuiti

ditta individuale

regime forfettario

Srl o Srls?
SRL o SRL?

SRL o SRLS?

Scaricare l’e-book gratuitamente

icona ilcommercialistaonline.it

Il commercialista online

App

Gratis per 40 giorni

#solidarietàdigitale

Gestione semplificata della fatturazione attiva e passiva