Controlli partite iva comunitarie: attenti all’Agenzia delle Entrate!

Controlli Partita IVA comunitaria: ecco come funzionano.
 
(Last Updated On: 5 Aprile 2019)

L’Agenzia delle Entrate sta recapitando comunicazioni relative alle irregolarità riscontrate sia a seguito dei controlli effettuati sulle dichiarazioni dei redditi, sia sulle partite IVA comunitarie.

Oltre i controlli di routine effettuati dall’Agenzia delle Entrate sulle dichiarazioni dei redditi, il fisco effettua una serie di controlli sulle partite iva comunitarie. In tanti hanno ricevuto le comunicazioni di cancellazione dalla banca dati VIES.

Nell’articolo analizziamo insieme il contenuto delle comunicazioni emesse dal fisco in seguito ai controlli effettuati e come fare per fare per rimediare in tempo.

Le comunicazioni di irregolarità sulle dichiarazioni

L’Agenzia delle Entrate a seguito dei controlli sulle dichiarazioni dei redditi invia le lettere di compliance. Nelle comunicazioni inviate, il fisco evidenzia le incongruenze derivanti dal confronto tra i redditi dichiarati nei Modelli 730 o UNICO e i dati in suo possesso.

Il contribuente che ha ricevuto la lettera di contestazione può contattare l’Ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate o utilizzare il canale telematico Civis. Trattasi di una procedura che rientra nel nuovo approccio taxpayer friendly eche permette al contribuente di verificare errori o dimenticanze e correggerle prima dell’emissione dell’avviso di accertamento. Il tutto a fine di aumentare la collaborazione con il contribuente, riducendo al minimo le sanzioni.

Tipologia di errori riscontrati dal fisco

L’Agenzia delle Entrate ha indicato le principali anomalie riscontrate nei controlli effettuati. Le anomalie sono relative all’incrocio dei dati indicati nelle dichiarazioni inviate dal contribuente con la banca dati a disposizione del fisco. Nel dettaglio le principali irregolarità riscontrate riguardano i seguenti redditi derivante da:

  1. lavoro dipendente e assimilati non dichiarati che risultano invece da quanto dichiarato nel Modello 770 presentato dal sostituto d’imposta;
  2. assegni periodici corrisposti dall’ex coniuge che sono stati dichiarati da questi nel Modello 730 o nel Modello Unico;
  3. partecipazione in società di persone o in società a responsabilità limitata rilevati nel Modello Unico Società di Persone o Modello Unico Società di Capitali presentato dalla società;
  4. capitale per gli utili corrisposti da società di capitale o enti commerciali indicati dalla società nel Modello 770;
  5. lavoro autonomo non derivanti da attività professionale e redditi diversi indicati nel Modello 770 presentato dal committente.

Il contribuente può verificare qual è l’anomalia riscontrata nella sua dichiarazione all’interno del cassetto fiscale, nella sezione “L’Agenzia scrive” dedicata alle comunicazioni .

Come rispondere alle lettere di compliance

L’invio delle comunicazioni permette al contribuente di chiarire e regolarizzare la propria posizione anche mediante il ravvedimento operoso, che evita così l’avviso di accertamento.

A seguito del ricevimento della lettera di compliance quando il contribuente:

  • concorda con gli errori contestati, può rimediare mediante il ravvedimento operoso, pagando le maggiori imposte, gli interessi e la sanzione tramite il Modello F24, usufruendo di una sanzione ridotta. L’Agenzia ha inoltre messo a disposizione un tool online gratuito Calcolo di sanzioni e interessi del ravvedimento”. Attraverso il tool gratuito è possibile calcolare le sanzioni ridotte e gli interessi dovuti con il ravvedimento operoso per le maggiori imposte richieste dall’agenzia delle entrate;
  • non cocorda con quando contestato dall’agenzia delle entrate può contattare telefonicamente l’Agenzia delle Entrate o recarsi presso gli Uffici territoriali o utilizzare il canale di assistenza telematico Civis, anche tramite intermediario abilitato.

Controlli partita IVA comunitaria

L’Agenzia delle Entrate effettua controlli di routine sui soggetti IVA che svolgono operazioni intracomunitarie e che sono iscritti al VIES.

In seguito ai controlli partita IVA comunitaria, vengono inviate ai titolare di partite IVA comunitarie le comunicazioni di irregolarità. In questo caso, l’oggetto dei controlli per i soggetti iscritti nell’archivio VIES, riguarda la mancata presentazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intra UE (INTRASTAT). Di fatto il mancato invio del menzionato Modello INTRASTAT potrebbe determinare l’esclusione dalla banca dati del VIES (Vas information exchange system). L’Agenzia, infatti, presume che questi soggetti non abbiano più interesse ad effettuare le operazioni intracomunitarie e notifica l’esclusione mediante l’invio di una lettera.

Come risolvere un controllo sulle partite IVA comunitarie

L’effettiva cancellazione dal registro avverrà dopo 60 giorni dal ricevimento della comunicazione di estromissione; entro questo termine i soggetti interessati al mantenimento dell’iscrizione potranno rivolgersi all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate e fornire la documentazione inerente alle operazioni intracomunitarie effettuate o ancora in corso.
In ogni caso, l’eventuale esclusione non è definitiva in quanto il contribuente può chiedere un nuovo inserimento nella banca dati, direttamente per via telematica, se abilitato a Fisconline o Entratel, oppure tramite soggetti abilitati e incaricati.

Aiuto per regolarizzare la tua posizione con il fisco?

Per ulteriori approfondimenti su come risolvere le comunicazioni ricevute, non esitare a contattarci compilando il form che trovi nella pagina Preventivi oppure lascia il tuo commento qui sotto.

Facebook Comments

Recommended Posts

Nessun commento, aggiungine uno!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *