Super e Iper Ammortamento 2018: Ecco le novità

Print Friendly, PDF & Email
(Last Updated On: 19 ottobre 2018)

Super e Iper Ammortamento 2018: Ecco le novità

Prorogate per il 2018 anche le misure del Super e Iper ammortamento, introdotte nel passato con il duplice obiettivo di ridurre la pressione fiscale sulle imprese e al contempo incentivare gli investimenti in beni strumentali.

Quest’anno però la disciplina ha subito importanti modifiche: vediamo di cosa si tratta.

Come funziona il Super Ammortamento?

Il Super Ammortamento è la misura volta a incentivare gli investimenti in beni strumentali nuovi che per si estende agli acquisti effettuati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2018, ovvero fino al 30 giugno 2019 purché entro la fine del 2018 il venditore abbia accettato l’ordine e ricevuto come acconto almeno il 20% del costo totale. Le novità del 2018 in materia sono le seguenti:

  • riduzione della percentuale di maggiorazione da applicare al costo di acquisizione del bene, che scende dal 40% al 30%;
  • esclusione dei beni che rientrano nell’agevolazione dell’acquisto di veicoli nuovi e altri mezzi di trasporto (nel 2017 l’esclusione riguardava soltanto i beni ad uso promiscuo e affidati ai dipendenti per la maggior parte del periodo di imposta).

Iper Ammortamento: quali cambiamenti?

Con l’Iper Ammortamento viene riconosciuta una maggiorazione delle quote di ammortamento per l’acquisto di quei beni ad alto contenuto tecnologico, sia materiali che immateriali, ossia per gli investimenti effettuati per la realizzazione di processi di trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa.
Anche in questo caso gli acquisti devono essere effettuati tra gennaio e dicembre 2018, ovvero fino al 31 dicembre 2019 se entro l’anno il venditore ha accettato l’ordine e ricevuto il pagamento del 20% del costo totale di acquisizione.

L’Iper Ammortamento riconosce le seguenti percentuali:

  • maggiorazione del 150% del costo sostenuto per gli investimenti in beni strumentali ad alto contenuto tecnologico;
  • maggiorazione del 140% del costo sostenuto per gli investimenti in beni immateriali.

Quali novità per l’Iper Ammortamento?

In materia di Iper Ammortamento sono due le novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2018 da riportare:

  • ampliamento dell’elenco dei beni immateriali che rientrano tra quelli ammessi nell’Iper Ammortamento: tra cui i sistemi di gestione della supply chain per il drop shipping nell’e-commerce, i software per le ricostruzioni 3D e le piattaforme per il coordinamento della logistica;
  • introduzione della clausola di salvaguardia che permette di continuare a godere dell’Iper Ammortamento anche se il bene viene ceduto con un realizzo a titolo oneroso prima della fine del periodo, a condizione che nello stesso periodo venga acquistato un bene nuovo con caratteristiche analoghe o superiori a quello dismesso.

Anche le autovetture rientrano nel Super Ammortamento?

Come accennato, sono esclusi invece dalla agevolazione gli investimenti in veicoli e gli altri mezzi di trasporto, sia se ad uso promiscuo che se utilizzati esclusivamente per l’esercizio dell’impresa e quindi totalmente deducibili: la novità del 2018 riguarda l’esclusione dell’intera categoria di veicoli (fino al 31.12.2017 era possibile beneficiare del Super Ammortamento per i veicoli (o gli altri mezzi di trasporto) esclusivamente strumentali all’attività esercitata (autonoleggio o autoscuole) o i veicoli adibiti ad uso pubblico (taxi o noleggio con conducente).

A chi sono rivolte le agevolazioni?

Sono confermati i beneficiari delle misure, infatti come negli anni precedenti possono fruire dell’Iper e del Super Ammortamento i soggetti titolari di reddito di impresa e gli esercenti arti e professioni che effettuano gli investimenti nei beni previsti dalla normativa.

Quali i documenti necessari per usufruire dell’agevolazione?

Non ci sono cambiamenti invece riguardo la documentazione da conservare e possedere per fruire delle misure. Infatti, come negli scorsi anni, per la fruizione dell’Iper Ammortamento e della maggiorazione del 40% per i beni immateriali, l’impresa deve possedere una dichiarazione del legale rappresentante oppure, per i beni il cui costo di acquisizione è superiore a € 500mila, una perizia tecnica giurata rilasciata da un ingegnere o da un perito industriale, oppure un attestato di conformità rilasciato da un ente di certificazione accreditato

Quali beni sono esclusi?

Ricordiamo infine che oltre alle novità introdotte in materia di Super Ammortamento, vigono anche per il 2018 le precedenti esclusioni, per cui non rientrano nel beneficio del Super o Iper Ammortamento:

  • i beni per i quali il D.M. 31.12.1988 prevede coefficienti di ammortamento inferiori al 6,5%;
  • fabbricati e le costruzioni;
  • i beni di cui all’Allegato 3 annesso alla legge di Stabilità 2016.

Hai necessità di ulteriori info?

Richiedi la nostra consulenza skype direttamente con un esperto per dissipare tutti i tuoi dubbi e risolvere i tuoi problemi con il fisco:

 

 

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.