Regime Contabile: Cos’è e Quale Scegliere

Come scegliere il regime contabile
 
(Last Updated On: 5 Aprile 2019)

Devi avviare un nuovo business e non sai quale è il regime contabile più appropriato alle tue esigenze? Ecco per una guida per affrontare la scelta del regime contabile e fiscale più conveniente ed appropriato al proprio business.

Anche se trattasi di una decisione che incide in maniera considerevole sulle imposte e sui contributi da versare, la scelta del regime contabile viene spesso sottovalutata la sua importanza per il successo del nascente business.

Nel prosieguo di questo articolo, analizziamo brevemente i pro e i contro dei diversi regimi contabili con particolare riferimento al Regime dei contribuenti forfetari, Regime semplificato e Regime ordinario.

Ricordati di leggere prima questo eBook gratuito, prima di aprire la tua partita IVA.

Regime dei contribuenti forfettari

Dal primo gennaio 2016 l’unico regime agevolato è il forfetario per tutte le persone fisiche che svolgono o iniziano un’attività d’impresa, di arte/professione, in possesso di determinati requisiti, ovvero possono accedere coloro che:

  • hanno conseguito ricavi ovvero hanno percepito compensi, ragguagliati ad anno, non superiori determinati limiti, differenziati a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata;
  • hanno sostenuto spese per un ammontare complessivamente non superiore a 5.000 euro lordi, per lavoro accessorio, dipendente e per collaboratori;
  • hanno un costo complessivo, al lordo degli ammortamenti, dei beni strumentali alla chiusura dell’esercizio non superiore a 20.000 euro;
  • hanno conseguito redditi di lavoro dipendente e assimilati, nell’anno antecedente a quello in cui intendono avvalersi del regime agevolato, inferiori alla soglia di 30.000 Euro. Il rispetto di tale limite non rileva se il rapporto di lavoro dipendete o assimilato risulti cessato.

I principali vantaggi connessi al regime forfetario riguardano:

  • esclusione dall’applicazione dell’IVA e quindi, sostanzialmente, emissione delle fatture di vendita senza l’applicazione dell’IVA;
  • esenzione dall’IRAP: è un vantaggio nel caso di redditi superiori ad € 9.500 (soglia di esenzione IRAP), tenendo presente che i professionisti senza “autonoma organizzazione”, sono in ogni caso esenti da IRAP;
  • esclusione dall’applicazione degli studi di settore: risulta sicuramente vantaggioso quando trattasi di redditi inferiori alla media del settore di appartenenza e per i quali non occorrerà giustificare incongruenza.

I principali svantaggi relativi all’applicazione del regime forfetario riguardano la perdita del beneficio delle detrazioni di imposta IRPEF e l’impossibilità di dedurre i costi sostenuti in quanto l’imposta sostitutiva viene determinata in maniera forfetaria su una percentuale dei ricavi.

Regime contabile semplificato

La contabilità semplificata si applica, indipendentemente dall’attività svolta, alle imprese individuali e alle società di persone che, nell’anno precedente a quello in corso, e relativamente a tutte le attività esercitate, abbiano conseguito ricavi non superiori ai seguenti limiti:

  • 400.000 € se trattasi di un’attività di prestazioni di servizi;
  • 700.000 € se trattasi di altre attività.

I registri contabili che occorre obbligatoriamente tenere nel regime semplificato sono:

  • registri Iva (fatture emesse, corrispettivi e acquisti);
  • registro beni ammortizzabili.

Ai fini della determinazione del reddito, occorre integrare i registri IVA con l’annotazione dei componenti positivi e negativi del reddito non rilevanti ai fini dell’Iva (costi del personale e rettifiche di fine anno).

I vantaggi del regime semplificato riguardano:

  • semplificazioni nella registrazione delle operazioni
  • costi minori di tenuta della contabilità rispetto al regime ordinario
  • per la registrazione non sono richieste particolari conoscenze contabili

Gli svantaggi del regime semplificato sono:

  • informazioni desumibili dalla contabilità piuttosco scarse
  • possibilità di predisporre solo situazioni economiche periodiche

Regime contabile ordinario

Il regime ordinario è sempre obbligatorio per le società di capitali e per tutti coloro che hanno superato i predetti limiti per l’applicazione del regime semplificato.

Il regime ordinario prevede la tenuta dei seguenti registri:

  • libro giornale e libro degli inventari;
  • registri Iva (registro delle fatture emesse, registro dei corrispettivi e registro degli acquisti);
  • scritture ausiliarie (o conti di mastro);
  • scritture di magazzino, solo nel caso di superamento di determinati limiti di ricavi e di valore di rimanenze finali;
  • registro beni ammortizzabili (facoltativo, a condizione che le registrazioni siano effettuate sul libro giornale – nel termine di presentazione della dichiarazione dei redditi – o sul libro degli inventari).

I principali vantaggi del regime ordinario sono:

  • disponibilità di maggiori informazioni sull’andamento aziendale
  • possibilità di redigere i Bilanci d’esercizio e infrannuali con tutte le relative informazioni economiche, finanziarie e patrimoniali.

Gli svantaggi del regime ordinario sono:

  • conoscenze contabili approfondite per la registrazione contabile
  • adempimenti formali più nmerosi rispetto agli altri regimi
  • costi di tenuta della contabilità più elevati
Vuoi ricevere maggiori informazioni? Clicca il bottone qui sotto!
Facebook Comments

Recommended Posts

Nessun commento, aggiungine uno!


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *