Nuova Sabatini 2023: contributi per imprese green

Di Pubblicato il: 05/01/2023Categorie: Novità fiscali e AdempimentiLast Updated: 05/01/2023

Dal primo gennaio 2023 è possibile presentare la domanda per la Nuova Sabatini Green. I moduli e le modalità sono diverse rispetto l’anno scorso. Si tratta a tutti gli effetti di un’agevolazione che consente agli imprenditori di beneficiare di contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per l’acquisto di macchinari green. Questi, per essere idonei all’agevolazione, devono rientrare nel piano della transazione ecologica previsto dal PNRR.
Vediamo insieme tutti i dettagli. 

La Nuova Sabatini 2023

A seguito della pubblicazione della Circolare del Ministero delle Imprese e del Made in Italy del 6 dicembre 2022 sono stati definiti idettagli della Nuova Sabatini 2023, nello specifico:

  • modalità di presentazione della domanda nel corso dell’anno 2023
  • termini per l’accesso agli incentivi

Questo significa che sono cambiati i requisiti e i criteri di accesso ai contributi statali previsti dalla Nuova Sabatini. Secondo le nuove direttive del Ministero, le aziende e gli imprenditori possono beneficiare dei contributi e dei finanziamenti del Governo per investimenti in beni strumentali, attrezzature e impianti 4.0 di stampo green. La suddetta agevolazione è pertanto un’ottima opportunità per imprenditori e imprese che intendono rinnovare i propri impianti produttivi in chiave ecologica. 

NOTA BENE: le realtà dislocate nel Sud Italia hanno priorità di accesso. 

I destinatari della Nuova Sabatini 2023 sono micro, piccole e medie imprese, regolarmente iscritte al Registro delle Imprese, con sede legale o unità locale in Italia. I settori di appartenenza sono tutti, compreso quello agricolo, ad eccezione di quello finanziario e assicurativo. Sono escluse anche tutte le imprese in stato di difficoltà oppure in liquidazione. 

I contributi della ex Nuova Sabatini 

La Nuova Sabatini è stata istituita per la prima volta nel 2013 al fine di sostenere le PMI con gli investimenti in attrezzature, impianti e macchinari. Nello specifico, le aziende possono beneficiare dei contributi per l’acquisto o il leasing di beni strumentali ad uso produttivo e per l’implementazione di software, hardware e tecnologie digitali in generale. 

Negli anni, compreso il 2023, la Nuova Sabatini è stata confermata per supportare la crescita economica del Paese, la relativa competitività, ma soprattutto per incrementare gli investimenti delle imprese in ottica green. 

Quali sono i macchinari e gli impianti green della Nuova Sabatini 2023?

La Nuova Sabatini 2023  rimborsa in modo parziale gli interessi su un leasing acceso dall’imprenditore, attraverso un contributo a fondo perduto in conto impianti. Questo significa che le PMI e gli imprenditori possono accedere a finanziamenti agevolati a cui si aggiunge un contributo impianti erogato direttamente dal MISE al fine di coprire gli interessi sull’ammontare totale del finanziamento. 

L’erogazione del contributo spettante avviene a seguito della presentazione della domanda al MISE e di tutta la documentazione richiesta che attesta iò sostenimento degli investimenti.

NOTA BENE: le somme ricevute, poiechè a fondo perduto, non vanno restituite. 

Contributi in conto impianti e finanziamenti agevolati: i dettagli

Il contributo in conto impianti rilasciato dal governo si determina secondo quanto di seguito riportato:

  • sulla base dell’ammontare degli interessi calcolati su un finanziamento della durata massima di 5 anni
  • di importo uguale all’investimento con un tasso d’interesse annuo fino al 3,575%
  • con importo compreso tra 20.000 euro e 4 milioni di euro

ATTENZIONE: dal primo gennaio 2023, l’investimento può essere parziale o intero, e può essere coperto fino all’80% dell’importo del finanziamento stesso. 

I beni strumentali green della Nuova Sabatini 2023

Chi vuole beneficiare della Nuova Sabatini 2023 è tenuto quindi ad acquistare attrezzature, impianti e macchinari destinati a uso produttivo, a basso impatto ambientale, volti a migliorare l’ecosostenibilità dei processi produttivi e dei prodotti stessi. Attenzione, perchè sono ammesse anche spese per tecnologie digitali e spese per software, ma non per beni usati o rigenerati, per fabbricati e terreni e per immobilizzazioni in corso e acconti. 

Come si presenta la domanda per la Nuova Sabatini 2023

La domanda per beneficiare degli incentivi previsti dalla Nuova Sabatini 2023 può essere presentata dal 1 gennaio 2023. Il tutto per via telematica direttamente dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico, sezione Beni Strumentali (Nuova Sabatini).

NOTA BENE:  oltre a essere compilata in ogni sua parte la modulistica presente nella sezione dedicata, occorre sottoscrivere il tutto attraverso la firma digitale e allegare tutta la documentazione richiesta. In una seconda fase, l’eventuale documentazion aggiuntiva dovrà essere trasmessa via PEC. 

Ulteriori Info? Parla con il Commercialista Online …

Il servizio è molto semplice ed è rivolto artigiani, freelance e a tutti i tipi di società.

Abbiamo pensato ad un’OFFERTA SPECIALE per chi apre partita IVA.

Acquistando la nostra consulenza via skype, meet o telefono della durata di 30 minuti, al costo scontato di euro 47 iva inclusa, per chi decide di affidare a noi la contabilità le pratiche di start-up sono in omaggio (apertura partita IVA, richiesta PEC, redazione oggetto sociale per le società, compilazione ed invio SUAP al Comune quando richiesto dalla normativa, attivazione società presso la CCIAA competente oltre che iscrizione INPS ed INAIL).

Consulenza Commercialista Online per Aprire Partita IVA
Consulenza Commercialista Online per Aprire Partita IVA
Commenti