finanziamenti 2016

Finanziamenti 2016 per Avviare Nuovi Business

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi avviare un nuovo business e vuoi sapere se esistono finanziamenti agevolati o a fondo perduto? Ecco per te una utile guida su finanziamenti  e agevolazioni nel 2016 per tutti coloro che vogliono avviare un’attività.

Un finanziamento a tasso zero o meglio ancora se a fondo perduto potrebbe essere l’unica e sola opportunità per chiunque intende aprire un’attività ma non ha la disponibilità economica per farlo.

I principali finanziamenti attualmente disponibili sono:

  • Nuove imprese a tasso zero di Invitalia
  • SELFIEmployment di Garanzia Giovani
  • “Smart&Start” promosso dal Ministero per lo Sviluppo Economico e da Invitalia

Di ognuno di questi finanziamenti, nel prosieguo di questo articolo, sarannoo analizzati i requisiti dei beneficiali, le attività ammesse e le modalità di presentazione della domanda.
Se nel 2016, mettersi in proprio potrebbe essere una buona idea, lo è ancor di più farlo con assoluta consapevolezza e meticolosa sapienza delle regole.

Clicca qui per capire se aprire una SRL per te sarebbe la soluzione ideale.

Nuove imprese a tasso zero di Invitalia

“Nuove imprese a tasso zero” è l’incentivo per i giovani e le donne che vogliono avviare una micro o piccola impresa.

Gli incentivi sono validi in tutta Italia e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. Le agevolazioni consistono in un finanziamento a tasso zero della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.

Chi sono i beneficiari di “nuove imprese a tasso zero”?

Gli incentivi sono rivolti alle imprese composte in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni o da donne. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi rispetto alla data di presentazione della domanda. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Sono finanziabili le iniziative per:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone
  • commercio di beni e servizi
  • turismo

Possono essere ammessi anche i progetti nei seguenti settori, considerati di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile:

  • filiera turistico-culturale, intesa come attività per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché per il miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza
  • innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali

Come si presenta la domanda per “nuove imprese a tasso zero”?

La domanda può essere inviata a partire dal 13 gennaio 2016 esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia.

Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  1. registrarsi  ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario
  2. una volta registrati accedere al sito riservato per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e la documentazione da allegare

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

SELFIEmployment di Garanzia Giovani

Il SELFIEmployment è partito il 1° marzo 2016 ed è rivolto ai giovani disoccupati e che non studiano con età compresa tra i 18 e i 29 anni.
Innanzittutto, occorre iscriversi al programma Garanzia Giovani, direttamente dal sito ufficiale http://www.garanziagiovani.gov.it/Pagine/default.aspx

Il percorso di formazione e accompagnamento Crescere Imprenditori, mirato e personalizzato, ti consente di avere supporto specialistico durante la concretizzazione della tua idea di impresa, attraverso  la redazione del business plan. Questo, insieme al documento di accompagnamento (che certifica le competenze acquisite durante tutto il periodo di formazione), permette  di accedere alle opportunità di finanziamento del Fondo SELFIEmployment che finanzia piani di investimento inclusi tra 5.000 e 50.000 euro. I prestiti erogabili sono:

  • microcredito, da 5.000 a 25.000 euro
  • microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro
  • piccoli prestiti da 35.001 a 50.000 euro

Trattasi di finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia rimborsabili in massimo di 7 anni con rate mensili che partono dopo sei messi dall’erogazione.

Come si presenta la domanda per SELFIEmployment di Garanzia Giovani?

La procedura di accesso alle agevolazioni è esclusivamente telematica. Sarà necessario registrarsi nell’apposita area riservata alla presentazione delle domande di agevolazioni, disponibile sul sito di Invitalia (www.invitalia.it).

Iniziativa Smart & Start

Le nuove agevolazioni Smart&Start Italia promosse da Invitalia e dal Ministero per lo sviluppo economico sono riservate alle start-up innovative e si applicano su tutto il territorio nazionale.

La business idea dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca.

L’agevolazione consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto proposto. Per le Start up del Mezzogiorno e del Cratere Sismico Aquilano è prevista anche una componente di fondo perduto. Le start-up costituite da meno di un anno usufruiscono di servizi di tutoraggio tecnico-gestionale.

Le due tipologie di finanziamento a cui si può accedere sono:

  • la Smart include la concessione di contributi che coprono il costo di gestione equivalente ai primi anni di attività.
  • La Start concede l’erogazione dei contributi che sostengono le sole spese d’investimento iniziale per l’avvio attività. Peraltro richiede l’avvio specifico di attività che operino nell’ambito digitale o che siano tese alla ricerca e all’ottimizzazione dei risultati: web marketing, agenzie SEO, ecc. (la parola d’ordine è: innovazione).

I due incentivi sono cumulabili solo fino al raggiungimento della soglia massima prevista, che resta fissata sulla cifra di 200.000 € per ciascuna impresa.

Clicca qui per capire se aprire una SRL per te sarebbe la soluzione ideale.

Chi sono i beneficiari di Smart & Start?

Smart&Start Italia finanzia le start-up innovative , iscritte nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese,  che presentano un progetto imprenditoriale caratterizzato da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o  mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, e/o  finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.

Le società devono essere di piccola dimensione ed essere costituite da non più di 48 mesi.

Per richiedere le agevolazioni non sarà necessario aver già costituito la società: possono accedere a Smart&Start Italia anche persone fisiche (compresi i cittadini stranieri in possesso del “visto start-up”) che intendono costituire una start-up innovativa.
La costituzione della nuova società sarà richiesta, infatti, solo dopo l’approvazione della domanda di ammissione alle agevolazioni.

Possono ottenere le agevolazioni Smart&Start Italia anche le imprese straniere, che si impegnano a istituire almeno una sede sul territorio italiano.

Come si presenta la domanda di Smart & Start?

Per richiedere le agevolazioni  Smart&Start Italia è necessario:

  1. registrarsi alla piattaforma dedicata ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario
  2. una volta registrati accedere al sito riservato per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e la documentazione da allegare

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

 

Conclusioni: aprire una nuova Partita IVA conviene?

Sì, dal giorno 1 gennaio 2016, chi deciderà di aprire una Partita IVA potrà anche  beneficiare del nuovo regime forfetario, in aggiunta a quello ordinario e a tutti i finanziamenti agevolati disponibili.
Per ulteriori dettagli  tutte i dettagli sui finanziamenti agevolati o se hai altre domande o dubbi puoi contattarci compilando il form sottostante.

Nome *

E-mail *

Messaggio *

Cliccando sul pulsante invia, si autorizza Lo Studio Vernieri Cotugno al trattamento dei dati personali nel rispetto del Dlgs 196/2003, in conformità a quanto indicato nella sezione Privacy.

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*