Gestione separata: aliquote contributive 2015

Gestione separata: aliquote contributive 2015

Print Friendly

Aliquote contributive Inps per artigiani, commercianti e iscritti alla gestione separata

L’Inps ha chiarito le percentuali di contribuzione applicabili per il 2015 e i relativi importi di minimale e massimale contributivo.

Artigiani e commercianti

Applicando le disposizioni previste dall’articolo 24, comma 22 del D.L. n.201/11, ne risulta che per il 2015 le aliquote contributive artigiani e commercianti sono pari al 22,65%.
– Per gli artigiani e commercianti con più di sessantacinque anni di età già pensionati, vige la riduzione del 50% dei contributi dovuti.

– Per i soli iscritti alla gestione commercianti, alla aliquota del 22,65% vanno aggiunti 0,09 punti percentuali a titolo di indennizzo, per la cessazione definitiva dell’attività commerciale.

– Per i soggetti di eta inferiore ai 21 anni e prevista un’ulteriore riduzione (applicata fino a tutto il mese in cui il soggetto interessato compie i 21 anni).

Artigiani Commercianti
Soggetto con età superiore ai 21 anni 22,65% 22,74%
Soggetto con età non superiore ai 21 anni 19,65% 19,74 %
Over 65 anni titolari di altro trattamento pensionistico Inps 11,32% 11,37%

Le percentuali di cui sopra si rendono applicabili sul minimale, ossia sul reddito minimo annuo da prendere in considerazione ai fini del calcolo del contributo Ivs dovuto dagli artigiani e commercianti.
Tale reddito minimale per il 2015 e stato stabilito in 15.548,00 euro, ne consegue che il contributo minimale per il 2015 risulta essere:

Artigiani Commercianti
Soggetto di età superiore ai 21 anni 3.529,06 (3.521,62 IVS + 7,44 maternità) 3.543,05 (3.535,61 IVS + 7,44 maternità)
Soggetto di età non superiore ai 21 anni 3.062,62 (3.055,18 IVS + 7,44 maternità) 3.076,61 (3.069,17 IVS + 7,44 maternità)

Le percentuali di cui sopra si rendono applicabili sul minimale, ossia sul reddito minimo annuo da prendere in considerazione ai fini del calcolo del contributo Ivs dovuto dagli artigiani e commercianti.
Tale reddito minimale per il 2015 e stato stabilito in 15.548,00 euro, ne consegue che il contributo minimale per il 2015 risulta essere:

Scaglione di reddito Artigiani Commercianti
Soggetto con età superiore ai 21 anni fino a 46.123,00 22,65% 22,74%
da 46.123,00 23,65%* 23,74%*
Soggetto con età superiore ai 21 anni fino a 46.123,00 19,65% 19,74%
da 46.123,00 20,65%* 20,74%*

*L’aumento di un punto percentuale e stato disposto dall’art.3-ter della L. n.438/92. Ricordiamo che per l’anno 2015 il massimale di reddito annuo entro il quale sono dovuti i contributi Ivs e pari a 76.872,00 euro per i soggetti con anzianità di iscrizione anteriore al 1‹gennaio 1996 e pari a 100.324,00 euro per gli altri.

Gestione separata Inps

Sono soggetti alla contribuzione alla gestione separata Inps:

  • i collaboratori a progetto,
  • i collaboratori occasionali,
  • i venditori porta a porta,
  • gli associati in partecipazione che apportano solo lavoro,
  • i soci amministratori di srl che svolgono attivita commerciale,
  • i lavoratori autonomi privi di cassa.

Di seguito vengono riassunte le aliquote contributive come stabilito dall’art.2, co.57 L. 92/12 meglio nota “riforma del lavoro:

Artigiani Commercianti
Soggetto con età superiore ai 21 anni 22,65% 22,74 %
Soggetto con età non superiore ai 21 anni 19,65% 19,74 %
Over 65 anni titolari di altro trattamento pensionistico Inps 11,32% 11,37%

Il contributo 2015 e dovuto oltre che sul reddito minimale anche sulla totalita dei redditi d’impresa prodotti nel 2014 in base alla seguente ripartizione:

Anni Aliquota per soggetti non iscritti anche ad altre forme obbligatorie Aliquota per soggetti iscritti anche ad altre forme contributive
2014 28% 21% → 22%*
2015 30% 22% → 23,5%*
2016 31% 24%
2017 32% 24%
2018 23% 24%

* Per effetto Finanziaria 2014. Alle aliquote sopra descritte deve essere aggiunto l’incremento dello 0,72% per il finanziamento degli oneri connessi alla maternita, assegni familiari e malattia.
Il Decreto Milleproroghe, come gia la finanziaria 2014, ha introdotto un blocco delle aliquote sopra riportate con riferimento ai soggetti iscritti alla gestione separata e titolari di partita Iva per i quali la aliquota contributiva 2015 e quindi la medesima prevista per il 2014 ovvero 27%.
Ne consegue che, per effetto di tale blocco, le aliquote applicate ai redditi rientranti nella gestione separata dell’Inps sono le seguenti:

2014 2015
Non pensionato o iscritto ad altra gestione pensionistica Titolare di p. Iva 27,72% 27,72%
Non titolare di p. Iva 28,72% 30,72%
Pensionato o iscritto ad altra gestione pensionistica 22% 23,5%

Sempre per il 2015 sono stati fissati anche gli importi del minimale e massimale di reddito contributivo annuo, rispettivamente in: 15.548,00 euro e 100.324,00 euro.

Facebook Comments
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*