Avviare un e-commerce, quello che devi assolutamente sapere

Come fare per avviare un ecommerce: tutto ciò che devi sapere

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi aprire un e-commerce ma non sai da dove partire? Vuoi conoscere gli adempimenti per avviare la tua attività e i costi? Non ti preoccupare, sei capitato nel posto giusto… Ecco tutti gli adempimenti e i vantaggi dell’apertura di un negozio virtuale

L’e-commerce è stata considerata per anni l’attività del domani, fino a quando, quel “domani” è diventato “oggi”… In questo articolo troverai informazioni utili sull’iter da seguire per avviare un e-commerce, dalla vendita occasionale all’apertura della partita IVA fino all’iscrizione in Camera di Commercio, insomma tutti gli adempimenti e i vantaggi dell’apertura di un negozio virtuale.

Che cosa si intende per commercio elettronico?

Per commercio elettronico indiretto (e-commerce indiretto) si intendono le operazioni di vendita di beni materiali ovvero quando la transazione commerciale avviene per via telematica ma il cliente riceve fisicamente la merce a domicilio secondo i canali tradizionali, ossia tramite vettore o spedizioniere (ad esempio vendita di qualsiasi merce su ebay, dalani o simili).

Con“commercio elettronico diretto – e-commerce diretto” si intende la vendita di un bene digitale o un servizio è messo a disposizione del cliente in forma digitale, per cui, in concreto, sia l’operazione commerciale sia la consegna avvengono solo on-line ricorrendo alle modalità telematiche.

Quando è necessario aprire la partita IVA?

Se per molti di voi aprire una partita IVA è un’opportunità, per altri è un obbligo di legge e vediamo come trasformare un obbligo in un’opportunità da prendere al volo.

L’obbligo di aprire la Partita IVA nasce quando si svolge in maniera abituale un’attività di lavoro autonomo, anche se in modo non esclusivo o continuativo (art. 5 DPR 633/72).

La determinazione dell’abitualità dell’attività svolta va valutata caso per caso perché non esiste una soglia di ricavi, superata la quale, sorge l’obbligo di aprire la Partita Iva, né regole che permettono di individuare in maniera netta le differenze che distinguono le attività abituali da quelle occasionali.

Nel caso di un’attività di e-commerce la valutazione sull’abitualità ricade su numero di transazioni effettuate, infatti per il Fisco si configura come attività di impresa ogni qualvolta vi sia un numero rilevante di transazioni che evidenzino una certa abitualità.

Ad esempio, se tu crei e vendi vestiti per bambini, stai di fatto esercitando un’attività artigianale. Quindi sei una persona soggetta all’IVA e come tale dovresti aprire la partita IVA, giusto? Sbagliato! Perché se il tuo è un hobby e quindi un’attività del tutto occasionale non sei soggetto ad alcun obbligo; se invece trattasi di attività svolta in maniera abituale devi necessariamente aprire la partita IVA.

Qual è l’iter per l’avvio di un’attività di e-commerce?

La vendita online, relativamente agli obblighi amministrativi e fiscali, non differisce molto dalla vendita fatta in un negozio tradizionale. Per poter vendere online è pertanto necessario:

  • aprire la partita IVA (come ditta individuale o società)
  • attivare un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • presentare al Comune competente per territorio la Segnalazione Certificata di Inizio di Attività (S.C.I.A.);
  • richiedere l’iscrizione alla Camera di Commercio competente e all’INPS.

Oggi, è possibile assolvere tutti questi adempimenti contemporaneamente, inviando telematicamente alla Camera di Commercio competente per territorio un’unica comunicazione detta appunto Comunica.

Nella dichiarazione da presentare in Camera di Commercio esclusivamente online (direttamente dal titolare o dal professionista da questi incaricato), occorre inserire una serie di informazioni tra cui:

  • l’indirizzo del sito utilizzato per l’attività e l’ISP (Internet Service Provider), e quindi se trattasi di piattaforme altrui tipo Ebay ovvero di sito di e-commerce proprio;
  • l’indicazione della posizione INPS già esistente (ad esempio nel caso di lavoratore dipendente a tempo indeterminato full time esonerato dal versamento dei contributi alla gestione commercianti).

Ancora oggi alcuni Comuni, tuttavia, non sono attrezzati per ricevere la SCIA online e quindi, solamente in questo caso, è ancora necessario presentare il modulo SCIA cartaceo.

Cosa significa aprire una partita IVA agevolata?

E’ possibile avviare una partita IVA agevolata accedendo al regime forfetario, ovvero l’unico regime fiscale agevolato a partire dal 2016.

I principali vantaggi del regime forfetario riguardano:

  • esclusione dall’applicazione dell’IVA e quindi, sostanzialmente, emissione delle fatture di vendita senza l’applicazione dell’IVA;
  • esenzione dall’IRAP: è un vantaggio nel caso di redditi superiori ad € 9.500 (soglia di esenzione IRAP), tenendo presente che i professionisti senza “autonoma organizzazione”, sono in ogni caso esenti da IRAP;
  • esclusione dall’applicazione degli studi di settore: risulta sicuramente vantaggioso quando trattasi di redditi inferiori alla media del settore di appartenenza e per i quali non occorrerà giustificare incongruenza.

I principali svantaggi relativi all’applicazione del regime forfetario riguardano la perdita del beneficio delle detrazioni di imposta IRPEF e l’impossibilità di dedurre i costi sostenuti in quanto l’imposta sostitutiva viene determinata in maniera forfetaria su una percentuale dei ricavi.

Quanto costa aprire un e-commerce?

I costi per procedere all’apertura di un’attività di e-commerce diretto o indiretto consistono nei diritti da versare alla Camera di Commercio, ovvero euro 18,50 di bolli, 17 € di diritti nonché € 57 di diritto camerale da versare annualmente.

Per avviare un e-commerce occorre iscriversi all’INPS?

Le ditte individuali sono obbligate ad iscriversi alla Gestione IVS Commercianti e Artigiani dell’INPS, versando contributi fissi sul minimale pari a circa 3.600 euro circa.

Tuttavia, accedendo al regime forfetario, è possibile versare anche l’INPS in maniera agevolata beneficiando di riduzione pari al 35% degli oneri contributivi ovvero euro 2.400 fissi annui.

Anche i lavoratori dipendenti devono versare i contributi fissi INPS?

I titolari di un contratto di lavoro tempo indeterminato con contratto full time ovvero con un contratto part- time di almeno 26 ore lavorative settimanali che avviano una nuova attività d’impresa non sono tenuti all’iscrizione INPS Gestione commercianti fintanto che l’attività prevalente è quella di lavoro dipendente sia in termini di tempo che in termini reddituali.

Chi mi può aiutare ad aprire un negozio elettronico?

Per coloro che volessero affidare a noi la gestione della contabilità, provvederemo ad espletare gratuitamente tutte le pratiche necessarie ad avviare l’e-commerce nel giro di qualche giorno dal ricevimento dell’incarico.

Per ulteriori informazioni sull’apertura del tuo e-commerce o per qualsiasi altra informazione inerente la gestione della tua contabilità direttamente online, puoi contattarci compilando il form sottostante.

Nome *

E-mail *

Messaggio *

Cliccando sul pulsante invia, si autorizza Lo Studio Vernieri Cotugno al trattamento dei dati personali nel rispetto del Dlgs 196/2003, in conformità a quanto indicato nella sezione Privacy.

Facebook Comments
3 commenti
  1. Marco Giusti
    Marco Giusti dice:

    Ciao,
    io sto cercando di fare qualcosa online. Amo le “cianfrusaglie” e ho visto che c’è possibilità di vendita (ma non solo online).
    Mi sono un po’ confrontato in giro e ho notato che la scelta tra ecommerce e ebay/amazon, non è cosa chiarissima. Eventualmente le scartoffie da compilare sono sempre le stesse? E poi, qualcuno sa consigliarmi qualche buon servizio di provider per internet? Io per ora ho solo ricevuto proposte da Telecom, contattata tramite questa pagina http://www.retevenditaitalia.com/telecom/landing/index.html
    Non sono economicissimi, però gli altri operatori come sono? Cosa offrono?

    Ciao e grazie

    Marco

    Rispondi
    • Michela Edma Vernieri Cotugno
      Michela Edma Vernieri Cotugno dice:

      Buonasera,
      a prescindere di come decide di vendere (tramite ebay o con un sito proprio) per poter svolgere questo tipo di attività, se in modo professionale e continuativo e quindi non solo per un oggetto, occorre aprire la partita IVA ed iscriversi alla Camera di Commercio.
      Rispetto al provider occorre confrontare le varie proposte.
      Saluti

      Rispondi
  2. Gabriele
    Gabriele dice:

    Ho una ditta individuale di e.commerce dal 2003 , purtroppo negli ultimi anni il mio reddito complessivo si è abbassato a 6 mila euro.
    Vorrei tentare di sviluppare un nuovo progetto da presentare a qualche piattaforma di Crowfounding .
    Si tratta di un Kit fotovoltaico da istallare sul terrazzo . La parte più interessante di questo progetto è la costruzione del pannello solare che dopo anni di sperimentazioni sono riuscito a fare con risultati molto positivi .
    Volevo vendere questo prodotto assieme ad altri ( fotovoltaico , eolico ) via internet su un sito che ho costruito .
    Vorrei chiedervi : se il pannello è stato costruito da me devo depositare un marchio di costruzione per fare tutto in regola ? Se può esservi utile questo dato , i due pannelli solari che compongono il kit non superano i 300 W .

    Grazie per la risposta .

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*